il network

Mercoledì 26 Febbraio 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA, VIABILITA'

Fasani: 'La Castelleonese è sull'orlo del collasso'

Ordine del giorno del consigliere per adeguare le infrastrutture tra centro commerciale e tangenziale

Fasani: 'La Castelleonese è sull'orlo del collasso'

CREMONA (18 gennaio 2020) -  Un nuovo progetto viabilistico per l'area che si trova tra la Paullese, via Castelleone e la tangenziale. E' l'esortazione contenuta nell'ordine del giorno che Federico Fasani (Forza Italia), architetto e urbanista, ha fatto protocollare per impegnare il sindaco e la giunta ad intervenire sulle infrastrutture - ritenute inadeguate - di una zona che è stata caratterizzata da un intenso sviluppo commerciale

"La tumultuosa crescita del polo commerciale - sottolinea Fasani - che si sta sviluppando attorno all'Ipercoop Cremona Po ha generato in pochi anni un aumento considerevole dei flussi giornalieri di persone, e quindi di mezzi, nel contesto urbano in oggetto. Presto sarà recuperato all'uso commerciale anche il comparto Armaguerra che porterà altre medie strutture di vendita e conseguentemente altro traffico. Inoltre è presumibile che entro pochi anni anche l'area Ex Feraboli, e l'area Ex SCAC vengano recuperate ancora una volta come aree a vocazione prevalentemente produttiva/commerciale. Si tratta complessivamente di centinaia di migliaia di metri quadrati di aree commerciali visitate quotidianamente da decine di migliaia di utilizzatori che si muovono quasi esclusivamente con mezzi privati".

E' evidente, continua "che le infrastrutture originariamente pensate per sopportare il traffico relativo alle strutture commerciali del solo Centro Commerciale Coop non saranno più sufficienti".

L'esponente forzista ricorda che "seppur poco chiara e poco esplicitata, la proposta di alleggerimento del traffico da Via Giordano avanzata dall'attuale Amministrazione, si basava sulla dissuasione del suo utilizzo a favore del dirottamento dei mezzi sulla tangenziale cittadina. Senza voler entrare nel merito della proposta (che trovo assurda e sulla quale ovviamente non concordo!), è inevitabile che questa ulteriore azione porterebbe al collasso il reticolo stradale costituito dal nodo che lega la Paullese, via Eridano con via Sesto, via Castelleone e via Nazario Sauro".

Analizzando le problematiche dell'intersezione, Fasani puntualizza che "la peculiarità di questo nodo, per di più, è quella di essere caratterizzato dalla co-presenza di flussi di traffico molto diversi tra loro e molto intensi in quasi tutte le fasi della giornata. Il nodo è attraversato da cittadini che semplicemente utilizzano le strutture commerciali, da veicoli in attraversamento della città sulla direttrice est-ovest, da mezzi pesanti diretti alle strutture industriali, da automobilisti di passaggio sul territori cremonese, senza dimenticare che, date le numerose entrate ed uscite dai comparti edificati, la nostra tangenziale è oramai una strada urbana".

L'invito all'amministrazione. "Per tutti questi motivi è fondamentale che si proceda a redigere un progetto di revisione della rete infrastrutturale del comparto, valutando l'ipotesi di adottare incroci su più livelli , basandosi su rilievi e dati strettamente scientifici e rifiutando la logica del pregiudizio politico. Per questo motivo l'ordine del giorno presentato è volutamente privo di qualsiasi elemento che possa generare spunti polemici. Non si tratta di trovare colpevoli da strumentalizzare ai fini della propaganda politica ma si tratta di prevedere ed affrontare un appesantimento della congestione di traffico che già oggi in determinati momenti della giornata contraddistingue quella parte di città".

In ultimo, conclude Fasani "sottolineo che la sostenibilità economica dell'eventuale realizzazione di opere volte a risolvere questo problema, è garantita dall'ingente flusso di denaro che accompagna queste tipo di operazioni urbanistiche, derivante dall'incasso da parte del Comune di oneri primari, oneri secondari, oneri sul costo di costruzione e monetizzazioni degli standard da cedere".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

18 Gennaio 2020