il network

Lunedì 27 Gennaio 2020

Altre notizie da questa sezione


SONCINO

Truffa dello specchietto ed estorsione, condannati due cugini

Minacce alla vittima dopo aver inscenato l'incidente

Truffa dello specchietto ed estorsione, condannati due cugini

SONCINO (14 gennaio 2020) - «Eravamo un po’ a corto di soldi». Da qui, «abbiamo avuto l’idea di fare la truffa dello specchietto». La sera del 22 febbraio 2019, venerdì, da Desenzano del Garda (Brescia), dove abitano, i cugini Nicolas Casalgrande, da un mese e mezzo cameriere in un bar di Rivoltella (Brescia), e Wendy Argentini saltano su una Renault Modus già ammaccata e all’altezza di Soncino colpiscono. La loro vittima è Andrea, 35 anni, di Orzinuovi, in viaggio per Milano. Argentini gli farà paura: «Se non mi dai i soldi, finisce male». Voleva 300 euro, lo obbliga ad andare al Bancomat. I cugini dovranno accontentarsi di 30 euro, quelli che Andrea ha in tasca. Bottino misero: ci faranno benzina. Mesi dopo, finiranno agli arresti domiciliari. Confesseranno la truffa dello specchietto. Ora è arrivata la condanna: non solo truffa, ma anche estorsione per il tribunale che, nel riqualificare il reato di rapina contestato dalla procura, ha inflitto ad Argentini due anni, nove mesi di reclusione e 600 euro di multa, a Casalgrande due anni, sei mesi e 500 euro di multa la vittima è già stata risarcita con mille euro. Il pm, Francesco Messina, aveva chiesto per entrambi la condanna a tre anni di reclusione e a mille euro di multa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Gennaio 2020