il network

Martedì 14 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


BASSA PIACENTINA

Delitto di via Roma a Caorso, paese sotto shock

Nella tarda serata di ieri, mentre gli uomini della scientifica ultimavano i rilievi, parecchi nomadi sinti si sono radunati davanti alla caserma a urlare e promettere vendetta

Delitto di via Roma a Caorso, paese sotto shock

L'esterno del bar dove è avvenuto l'accoltellamento mortale

CAORSO (14 gennaio 2020) - Paese sotto shock dopo l’omicidio di ieri sera in via Roma, dove Gigi Baletta ha accoltellato il 52enne Rocco Bramante. Quest’ultimo, considerato capo della banda di nomadi sinti italiana sgominata lo scorso marzo dai carabinieri con l’operazione Tower, è morto in ospedale a Piacenza poco dopo l’arrivo. Baletta, subito arrestato, è accusato di omicidio volontario. Fra i due pare ci fossero vecchie ruggini e che prima dell’accoltellamento ci sia stata una scazzottata. Al bar Filly, dove è cominciata la lite, la titolare di nazionalità cinese ha poca voglia di parlare: riferisce di non essersi resa conto di quanto accaduto. “Ha preso il coltello mentre stavo facendo il caffè per una famiglia con bambini”, dice. Nella tarda serata di ieri, mentre gli uomini della scientifica ultimavano i rilievi, parecchi nomadi sinti si sono radunati davanti alla caserma a urlare e promettere vendetta: “Ci avete trattato come delinquenti ma noi non abbiamo mai ammazzato nessuno. Ora vi faremo vedere cosa significa essere delinquenti”.

"L'amministrazione ed il sindaco - fa sapere l'ente attraverso una nota - comprendono il dolore di tutti i familiari coinvolti nel tragico evento avvenuto nel nostro Comune e comprendono lo sgomento di un'intera comunità. Le forze dell’ordine stanno operando al fine di mettere in luce le motivazioni sottese alla tragica aggressione, e attendiamo fiduciosi l’esito delle indagini in corso. Riteniamo però corretto sottolineare che tale tragico episodio nulla a che fare con la precedente inchiesta della Procura di Piacenza, che vedeva coinvolta la persona deceduta. L’aggressione è al vaglio degli inquirenti e pertanto come tutti i cittadini rimaniamo in attesa di comunicazioni ufficiali, e ad esse ci rimettiamo preferendo astenerci pertanto da qualsiasi comunicazione non di nostra competenza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Gennaio 2020

Commenti all'articolo

  • mario

    2020/01/15 - 14:40

    Evviva l'opera nazionale nomadi!!! Evviva l'integrazione!!!!

    Rispondi