il network

Domenica 25 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


LA BREXIT DEI CREMONESI. LA TESTIMONIANZA

«Dopo 25 anni di lavoro trattata da straniera»

La storia di Daniela, da Soresina a York per amore di un uomo e di un Paese. «L’aria è cambiata: tutto diventa difficile e precario. Un ambiente ostile»

«Dopo  25 anni di lavoro trattata da straniera»

Daniela Corbitt

CREMONA (6 gennaio 2020) - Da Soresina a York, in Gran Bretagna, per amore di un uomo e di un Paese. Ma dopo 25 anni arriva il tradimento e l’amore si spezza e la storia sembra finire: non quella con il marito, sempre salda, ma quella con il Regno Unito, diventato ostile verso gli europei. Un Paese dove gli immigrati a cui viene urlato: «Tornatene a casa tua» sono gli italiani e gli altri europei che hanno creduto alla promessa di un’Unione dove le persone potessero muoversi liberamente.
È il racconto di Daniela, figlia di un ex militare della Guardia di Finanza e diplomata in Ragioneria al Ponzini, che durante una vacanza a Londra si è innamorata di un uomo, lo ha sposato e si è trasferita nella capitale britannica e poi a York. In Gran Bretagna dal 1995, Daniela Corbitt insegna l’italiano: «Mi sono innamorata — racconta — di questo Paese liberale che ti offre la possibilità di reinventarti. E se Londra è una grande città multiculturale, eclettica, York è bellissima».
«Ma ora — spiega Daniela — tutto è cambiato e l’aria è pesantissima. Fra i miei amici europei c’è chi è stato insultato sull’autobus. Per strada urlano: tornatevene a casa vostra. E noi ci sentiamo a casa nostra qui, dopo tanti anni. Qualcosa si è rotto ed è come la fine di una storia d’amore: guardo questo Paese, non lo riconosco più e mi chiedo: Cosa è successo? Ci accusano di essere parassiti che succhiano il sangue allo Stato, ma io ho sempre lavorato e dal welfare non ho mai preso nulla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

08 Gennaio 2020

Commenti all'articolo

  • koglione

    2020/01/06 - 11:02

    NON mi quadra, "Dovrai far domanda come coniuge di un cittadino britannico, un processo che richiede tempo ed alcuni documenti. Per poter soddisfare i requisiti, dovrai avere almeno 18 anni ed avere "mente sana e buon carattere". Dovrai anche soddisfare i requisiti di residenza e conoscenza della lingua inglese, dovrai anche passare l'esame "Life in the UK". Chi ha violato le leggi sull' immigrazione non otterrà mai la cittadinanza britannica (doppia cittadinanza nel caso). MI SEMBRA UNA SPARATA ANTI-BREXIT. Sono certo che la redazione de La Provincia controllerà con cura le affermazioni della signora.

    Rispondi

    • germana

      2020/01/08 - 14:16

      cncordo con Lei

      Rispondi