il network

Mercoledì 05 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


PIEVE D'OLMI. MONOSSIDO KILLER

Tutti sconvolti per la 47enne: "Patty ha lasciato il segno"

La tragedia nella notte fra giovedì e venerdì nella villetta della famiglia Scuto-Bonvini. Marito e figlio scampati alla morte. Commozione alla messa, domani i funerali dell’infermiera

Tutti sconvolti per la 47enne: "Patty ha lasciato il segno"

Patrizia Bonvini e la villetta di Pieve d'Olmi dove è avvenuta la tragedia

PIEVE D'OLMI (6 gennaio 2020) - L’intera comunità sconvolta e toccata nel profondo, una funzione religiosa toccante e caratterizzata dal silenzio e da poche ma incisive parole. Ieri a messa tutto il paese ha voluto ricordare con affetto la 47enne Patrizia Bonvini, madre e infermiera all’ospedale Maggiore di Cremona morta nella sua villetta di via Primo Maggio nella notte tra giovedì e venerdì. Intossicata dal monossido, così come il marito, il 49enne Roberto Scuto, il figlio appena 18enne, Matteo, e il vicino di casa, il 48enne Davide Ghilotti. Loro stanno bene, mentre Patrizia purtroppo non ce l’ha fatta. In queste ore di dolore la comunità si sta stringendo attorno alla sua famiglia, in attesa di accompagnare la 47enne nel suo ultimo viaggio: i funerali dell’infermiera al reparto di Ematologia verranno celebrati domani alle 10 alla chiesa di Cristo Re a Cremona, nel quartiere in cui era nata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

05 Gennaio 2020