Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PIEVE D'OLMI. LA TESTIMONIANZA

Il vicino: «Una notte terribile, non la scorderò mai»

L'intervento del 48enne Davide Ghilotti ha evitato un bilancio ancora più grave della tragedia in cui ha perso la vita Patrizia Bonvini

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

04 Gennaio 2020 - 07:21

Il vicino: "Sono entrato

Patrizia Bonvini col marito Roberto Scuto e la casa della tragedia

PIEVE D'OLMI (4 gennaio 2020) - Senza il suo intervento, probabilmente il bilancio avrebbe potuto essere ancora più pesante. Invece, senza indugiare, con sangue freddo e prontezza di riflessi il 48enne Davide Ghilotti si è subito precipitato all’interno dell’abitazione dei vicini di casa per cercare di soccorrere Patrizia Bonvini e aiutare il figlio 18enne Matteo. «Sembrava una serata come tante, ero in casa e stavo guardando la televisione – racconta ancora visibilmente scosso per l’accaduto – quando all’improvviso, verso le 22.30, Matteo è corso da me chiedendo aiuto. Urlava disperato: “La mamma è caduta in doccia”. Subito dopo il giovane è tornato nella sua abitazione e senza pensarci due volte anch’io sono uscito di casa, lasciando addirittura la porta d’ingresso aperta perché avevo intuito che si potesse essere verificato qualcosa di grave. Ci conoscevamo bene, sono ancora scosso e non posso che dire che è stata una tragedia immensa. Un dramma che dal punto di vista emotivo mi ha colpito nel profondo: una notte terribile, che non scorderò mai».

L'INTERVISTA INTEGRALE SU LA PROVINCIA DI SABATO 4 GENNAIO 2020

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400