Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

POLITICA

Caso Provincia: Signoroni era ineleggibile, ma resta presidente perché si è dimesso

Ordinanza del tribunale: soddisfazione della Lega e apprezzamento dell'ente nei confronti dei giudici

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

30 Dicembre 2019 - 15:44

Signoroni: “Tutti d’accordo, ora serve un chiaro cronoprogramma”

CREMONA (30 dicembre 2019) - Nuovo tassello nella vicenda dell'eleggibilità del presidente della provincia Paolo Mirko Signoroni. Il tribunale ha stabilito che il sindaco di Dovera era ineleggibile, ma avendo rassegnato le dimissioni ai primi di ottobre (eventualità che ha fatto venire meno la decadenza) per poi essere rieletto nella nuova votazione del 23 novembre, per il momento resta in carica.

“Apprendiamo che il Tribunale di Cremona con Ordinanza del 19.12.2019 ha dichiarato l’ineleggibilità del presidente Signoroni alla carica di presidente fino alla data del 3 ottobre 2019 - ha commentato l’Ufficio di presidenza dell'ente - ma poiché il presidente Paolo Mirko Signoroni aveva in tale data presentato le proprie dimissioni, ha ritenuto che non poteva essere dichiarata la decadenza, che è l’unica sanzione prevista dalla legge per i casi di ineleggibilità. Si prende altresì atto che l’ordinanza si esprime in merito all’impossibilità per Bertoni di diventare Presidente della Provincia a seguito dell’eventuale decadenza di Signoroni, decadenza peraltro non avvenuta per le dimissioni volontarie di Signoroni stesso dalla carica di presidente della Provincia di Cremona. Infine, sottolineiamo con soddisfazione che tutto il tono dell’ordinanza esprime grande tutela e rispetto per le istituzioni, avvallando così le scelte attuate dall’ente sino ad oggi”.

Soddisfazione da parte degli esponenti della Lega, i due commissari provinciali Fabio Grassani e Rebecca Frassini, che tramite la consigliere comunale di Cremona Simona Sommi avevano promosso il ricorso. "Avevamo sollevato la questione appena dopo le elezioni di agosto, ma evidentemente il centrosinistra ha preferito interpretare le norme in un altro modo. Questa ordinanza è un primo passo per fare chiarezza e già ci dice chi ha sbagliato e chi no" - dichiarano i commissari. "Ora, in attesa del pronunciamento del TAR previsto per febbraio e che dovrebbe davvero essere risolutivo sull'intera faccenda, auspichiamo che Signoroni e la maggioranza si comportino con la dovuta cautela, nell'interesse dell'ente e nel rispetto di tutti i cittadini e degli amministratori, rispetto che purtroppo è già mancato in più di un'occasione".

"Apprendiamo che, a seguito del ricorso della Lega, Mirko Signoroni è stato dichiarato ineleggibile dal Tribunale di Cremona - è il commento del coordinatore provinciale di Forza Italia, Gabriele Gallina -  l’ordinanza rimanda al Tribunale Amministrativo competente le valutazioni relativamente all’eventuale nullità degli atti posti in essere dallo stesso da agosto a ottobre 2019. I dubbi che Forza Italia aveva sollevato alcuni mesi fa sulla legittimità degli atti assunti da Mirko Signoroni e da Rosolino Azzali ora tornano in evidenza. Forse il Pd avrebbe fatto bene a tenere in maggior considerazione i nostri suggerimenti e le nostre preoccupazioni ed essere più prudente, attendendo a convocare le nuove elezioni solo dopo gli esiti del Tribunale Ordinario e del Tribunale Amministrativo. Le motivazioni della fretta che ha avuto il Pd nel voler rimettere in sella a tutti i costi un Presidente ineleggibile in un contesto di confusione e poca trasparenza amministrativa non sono state comprese da nessuno. Il senso di responsabilità e il rispetto per le istituzioni ci portano ad essere ancora preoccupati per questa vicenda, sicuramente gestita male dal Pd, il quale ha messo e sta tuttora mettendo l’ente provinciale in una situazione di rischio nullità degli atti e paradossalmente potrebbe costringere tutti gli amministratori a tornare a votare per la terza volta in poco più di sei mesi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • themitch

    31 Dicembre 2019 - 07:01

    Insomma quelli del pd in un modo o nell'altro sono sempre lì a comandare!

    Report

    Rispondi