Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IN TOSCANA

Omicidio a Grosseto, una pista porta a Cremona

Sparatoria per questioni legate alla droga, il killer è in carcere: nell'inchiesta è emerso che la Mercedes coi due senegalesi a bordo (raggiunti dai colpi di arma da fuoco) è intestata ad un colombiano residente in città

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

29 Dicembre 2019 - 10:17

Omicidio a Grosseto, una pista porta a Cremona

CREMONA (29 dicembre 2019) - C'è una pista che porta a Cremona, nelle indagini sull'omicidio dell'antivigilia di Natale a Grosseto, lo scontro a fuoco, a quanto pare scaturito da uno scambio soldi-droga finito male e innescato da una lite al culmine della quale il deejay dominicano Bernard Genao Edikson ha ucciso uno dei due senegalesi arrivati in Toscana per lo stupefacente fin da Brescia, Omar Sar di 33 anni, e ferito l’altro, Talla Diop Mor, 40 anni. Mentre Edikson, in carcere per omicidio, tentato omicidio, detenzione a fini di spaccio e porto e detenzione abusiva di arma, ha confessato il delitto, dall'inchiesta è emerso come la la Mercedes coi due senegalesi a bordo sia intestata ad un colombiano residente a Cremona, colombiano del quale, però, almeno al momento non si sono trovate tracce e sarebbe comunque, ovviamente, del tutto estraneo ai fatti. Semplicemente, in passato, avrebbe venduto l'auto agli stranieri.

Tuttavia le ricostruzioni degli investigatori sono ancora incomplete dato che è disponibile solo la versione di Edikson il quale tra l’altro non avrebbe detto dove si è disfatto della pistola mentre voleva fuggire in Spagna e si apprestava a raggiungere il confine con la Francia a Ventimiglia (Imperia), né avrebbe dato indicazioni sullo stock di cocaina di cui ha parlato lui stesso. Sono, invece, già prova in mano agli inquirenti i circa 50.000 euro in contanti ritrovati nella Mercedes con cui i senegalesi hanno tentato di fuggire dagli spari di Edikson, conosciuto nelle discoteche della Maremma. Secondo quanto emergerebbe, un motivo della lite potrebbe esser stato l'inserimento di carta straccia fra le banconote mostrate per l'acquisto della cocaina.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 3698

    30 Dicembre 2019 - 11:29

    Abbiamo un estremo bisogno di questa feccia ........e gratta gratta c'è anche un colombiano…….che guarda caso…...

    Report

    Rispondi

  • rugginesana

    30 Dicembre 2019 - 08:21

    Risorse che ci pagano la pensione !

    Report

    Rispondi

  • themitch

    30 Dicembre 2019 - 07:13

    Colombiani, senegalesi, tutti in Italia a spacciare a delinquere tanto con questo governo e con queste leggi sono tutelati!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti