Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IN REGIONE

Rischio terrorismo, De Corato: 'In Lombardia grande attenzione alle criticità'

L'assessore: 'La situazione acutizzata dall'elevata immigrazione illegale'

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

23 Dicembre 2019 - 17:58

Rischio terrorismo, De Corato: 'In Lombardia grande attenzione alle criticità'

MILANO (23 dicembre 2019) - "Secondo l'Italian Terrorism Infiltration Index 2019, la Lombardia è la regione italiana a maggior rischio di infiltrazioni terroristiche. Forse dobbiamo solo ringraziare il lavoro costante di intelligence se nel nostro Paese e nella nostra regione non è ancora successo nulla di grave”. Questo il commento di Riccardo De Corato, assessore regionale a Sicurezza, Polizia locale e Immigrazione ai dati riportati dallo studio dell'Istituto Demoskopika sui rischi terrorismo. In Lombardia il 22,4% degli stranieri iscritti alle anagrafi italiane

“Oggi - continua l’assessore - ricorre l’anniversario della morte del terrorista della strage di Berlino del 2006, Anis Amri, ucciso da due agenti della Polizia di stato nei pressi della stazione di Sesto San Giovanni. La nostra regione è quella dove risiedono più immigrati, il 22,4% del totale degli stranieri iscritti alle anagrafi italiane. Secondo i dati Orim e Polis al 1 luglio 2019 gli immigrati in Lombardia sono 1.352.007, in aumento del 2,4% rispetto all'anno precedente. È del tutto evidente - prosegue De Corato - che ‘straniero’ non voglia assolutamente dire ‘terrorista’ ma davanti a questa mole di numeri in costante aumento ci vuole molta attenzione". La stima degli extracomunitari irregolari è di 112mila persone.

"La Lombardia - ricorda l'assessore - guidava le classifiche dei foreign fighters e a Milano abbiamo avuto terroristi che hanno pianificato attentati in giro per il mondo. Nella nostra regione risiedono illegalmente 112 mila extracomunitari un numero che non accenna a diminuire neanche quest’anno. Insomma - conclude - un terreno di crescita ideale per le idee estremistiche. A questo quadro aggiungiamoci anche che, dopo la sentenza della Corte Costituzionale, adesso potranno sorgere moschee senza il minimo controllo”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bobbylollypoppy

    24 Dicembre 2019 - 13:25

    La sentenza della Corte Costituzionale se non altro incentiva la realizzazione di Moschee autorizzate e legali. Le moschee abusive vengono fatte nei comuni che negano la libertà di culto a intere comunità. La gente non si radicalizza in moschea, ma come capita con i radicalizzati fascisti (gruppo più pericolo in Lombardia) le radicalizzazioni avvengono online e nelle carceri. Le moschee invece educano le persone e aiutano tutto il movimento anti radicalizzazione.

    Report

    Rispondi