Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

INCIDENTE MORTALE NEL BRESCIANO

Ciclisti travolti e uccisi, interrogatorio dell'arrestato

Il 35enne dal carcere: «Abbagliato dal sole non li ho proprio visti». Tasso di alcol quattro volte il consentito. Era stato dalla fidanzata a Robecco

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

16 Dicembre 2019 - 08:26

Ciclisti travolti e uccisi, oggi l'interrogatorio dell'arrestato

CREMONA (16 dicembre 2019) - Il 35enne di Verolanuova - chiuso in una cella singola del carcere di Canton Mombello - potrebbe essere interrogato questa mattina dal giudice per le indagini preliminari, nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto eseguito per duplice omicidio stradale aggravato. L’altro ieri pomeriggio, poco prima delle 16, al volante della sua Volvo V50 ha travolto e ucciso due ciclisti cremonesi, il 70enne pensionato delle Ferrovie, ex macchinista, Francesco Bianchi, residente al Boschetto, e il 67enne Gianfranco Vicardi, casa in via Dossetto.

Aveva bevuto a pranzo a casa della fidanzata: vino e forse super alcolici, certamente almeno un amaro seguendo la teoria investigativa che conta anche sulla testimonianza della compagna dell’indagato, già messa a verbale. E che al momento dello scontro l’operaio stesse guidando in stato di ebbrezza — è stato invece escluso il consumo di droga — è definitivamente confermato anche dall’esito del terzo test dell’alcol, eseguito nella serata di sabato in ospedale dopo i primi due effettuati su strada dagli inquirenti. I numeri non lasciano spazio ai dubbi: a dispetto del limite massimo tollerato di 0,50 grammi per litro, il bresciano aveva nel sangue una concentrazione di alcol pari a 1,75 alla prima prova, di 1,84 alla seconda e di 2 alla terza, quattro volte il consentito.

Ma il 35enne sostiene di essere stato «abbagliato dal sole, non li ho proprio visti», ha garantito ai carabinieri prima di chiudersi nel silenzio più assoluto. Infine, è confermato anche che la Volvo del bresciano, che ora rischia dai 12 ai 14 anni di reclusione al netto di un iter processuale che vivrà ovviamente di svariate sfumature, non era stata revisionata e non era nemmeno assicurata.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo