il network

Martedì 20 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA

Bocciato dai professori, i giudici lo promuovono

Alunno respinto in prima media, il Consiglio di Stato accoglie il ricorso

Bocciato dai professori, i giudici lo promuovono

CREMONA (22 novembre 2019) - Bocciato in prima media dai suoi professori, promosso in seconda, con riserva, dai giudici, quelli del Consiglio di Stato, che hanno accolto il ricorso presentato dal legale del papà contro il Miur e l’istituto scolastico, ai quali, in primo grado, le toghe amministrative del Tar di Brescia avevano dato ragione. Ieri allo studente è stata notificata l’ordinanza pronunciata dalla sesta sezione del Consiglio di Stato. La stessa che, occupandosi di casi simili al suo, ha in pratica sancito che non è giuridicamente possibile bocciare in prima media. O, meglio, non lo è per ragioni attinenti al rendimento scolastico in ordine al livello di apprendimento raggiunto. I giudici dell’appello hanno già espresso il seguente principio, sebbene in sede cautelare: «L’ammissione alla classe successiva nella scuola secondaria di primo grado (in base agli articoli 1 e 6 del Decreto legislativo 13 aprile 2017 n. 62, ed alla circolare n. 1865 del 10.10.2017) deve fondarsi su un giudizio che faccia riferimento unitario e complessivo a periodi più ampi rispetto al singolo anno scolastico, e ciò ‘anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline’». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

21 Novembre 2019

Commenti all'articolo

  • renzo

    2019/11/22 - 11:53

    Un ordine, non potere, quello giudiziario ha POTERE su tutto. Questo è delegittimare coloro che hanno "vissuto " un periodo abbastanza lungo col ragazzo e quindi in grado di valutare al.meglio. Poi non meravigliamoci di quello che combinano j ragazzi, con genitori simili...

    Rispondi

  • Alessandro

    2019/11/22 - 09:02

    Assurda........sia la decisione dei giudici che, sopratutto, l'educazione che il padre da al figlio che pur di vederlo promosso paga avvocati fino al Consiglio di Stato. Complimenti

    Rispondi