il network

Giovedì 12 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Consegnato il Premio di bontà intitolato a Lidia Bittanti

L'edizione 2019 ha visto vincitori Martin Mosetich, diciottenne residente a Cremona, e Francesco Bianchi, diciassettenne, anch’esso residente in città

Consegnato il Premio di bontà intitolato a Lidia Bittanti

CREMONA (18 novembre 2019) - Martin Mosetich, diciottenne residente a Cremona, e Francesco Bianchi, diciassettenne, anch’esso residente in città, sono i vincitori dell'edizione 2019 del Premio di bontà intitolato a Lidia Bittanti.

La consegna del riconoscimento è avvenuta questa mattina nella Sala dei Quadri di Palazzo Comunale alla presenza dell'assessore alle Politiche Sociali e della Fragilità Rosita Viola, di Marilena Antonioli Paloschi e Claudio Bodini, in qualità di rappresentanti delle famiglie Bittanti – Antonioli, promotrici del premio, di mons. Alberto Franzini, delegato dal Vescovo di Cremona, e di Laura Rossi, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Cremona 3, in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico Territoriale. Sono intervenuti alla cerimonia famigliari, amici dei premiati oltre a chi ha segnalato i due ragazzi.

L'apposita commissione, riunitasi il 7 novembre scorso, al termine di una valutazione attenta e scrupolosa delle domande pervenute, ha deciso di assegnare un premio di mille euro a Martin Mosetich - segnalato da Valeria Margaroli, docente dell’Azienda Speciale per i Servizi all’Istruzione Cr. Forma, e un altro premio, sempre di mille euro, a Francesco Bianchi - segnalato da Paolo Feroldi, Presidente della sezione di Cremona dell’AID (Associazione Italiana Dislessia) e da Loredana Uberti, Presidente del Comitato di Cremona della Croce Rossa Italiana - in quanto rispondenti allo spirito del bando.

La commissione ha deciso di assegnare il premio a questi due ragazzi per le esperienze realizzate, intense, continuative, che sono diventate percorsi di vita, di prospettiva, ma anche di crescita umana e di scelta consapevole, storie di vita che colpiscono per la loro intensità, per la grande generosità, per altruismo e solidarietà.

Prima della consegna del premio, ognuno dei componenti la commissione, a partire dalla signora Marilena Antonioli Paloschi, ha fatto un breve intervento, sottolineando che, in una società spesso rappresentata solo per quanto non funziona o per gli aspetti negativi, in realtà vi sono molti esempi di amore e disponibilità verso il prossimo da parte anche di molti giovani, aspetto questo rimarcato infine dall’Assessore Rosita Viola per la quale nella nostra comunità ci sono molte persone che ogni giorno si fanno carico degli altri in varie forme: e questo non è cosa da poco, soprattutto in un momento in cui essere buoni in senso lato ha assunto quasi un tratto negativo. A seguire chi ha fatto le segnalazioni ne ha spiegato brevemente di persona i motivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

18 Novembre 2019