il network

Domenica 17 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


SANITA' CREMONESE

Ospedale Maggiore, primari: altro cambiamento

Risposta immediata dell’Asst all’addio di Magnani ad Otorinolaringoiatria: concorso già fatto, a breve la nomina. Nove i candidati che hanno partecipato alla selezione. La commissione ha già individuato la terna dei medici idonei

Ospedale Maggiore, primari: altro cambiamento

L'ospedale Maggiore di Cremona

CREMONA (7 novembre 2019) - Dopo 18 anni trascorsi alla guida dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria dell’ospedale di Cremona, guidato dal primo giugno 2001 al 31 dicembre 2003 in qualità di facente funzione e dal primo gennaio 2004 al 16 ottobre scorso come primario a tutti gli effetti, ha lasciato viale Concordia con quattro mesi di anticipo sul termine massimo previsto per il pensionamento Maurizio Magnani, piacentino doc classe 1951, da quarant’anni in forza alla sanità cremonese. Anche lui nel gruppo degli scontenti per l’attuale situazione organizzativa («un caos») dell’Asst, anche lui corteggiato con successo dalla sanità privata: Magnani ha siglato l’intesa per una collaborazione in regime libero professionale con le Figlie di San Camillo, accettando la proposta del collega di specializzazione ed amico Marco Gatti, attuale responsabile dell’Unità operativa di Otorinolaringoiatria delle Figlie di San Camillo, con il quale collaborerà. Il debutto ufficiale è fissato proprio per domani. Ma l’Asst ha già organizzato il dopo: si è svolto ieri, infatti, il concorso per la sostituzione a tempo di record del primariato di Otorinolaringoiatria. Nove i candidati che hanno partecipato alla selezione. La commissione ha già individuato la terna dei medici idonei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

06 Novembre 2019