il network

Martedì 12 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


DALLA GIOIA ALLE PICCONATE

A trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino: testimonianze e riflessioni

A partire da oggi il giornale La Provincia ricorda con pagine speciali un fatto che ha cambiato la storia del secondo Novecento

A trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino: testimonianze e riflessioni

CREMONA (7 novembre 2019) - Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. Il simbolo della fine della cortina di ferro, del mondo diviso in due blocchi atomici, della riunificazione della Germania era stato preparato e preannunciato dalle fughe estive di tedeschi orientali attraverso Ungheria e Cecoslovacchia. 

A trent'anni, dunque, dalla caduta del Muro di Berlino, anche il giornale La Provincia ricorda un fatto che ha cambiato la storia del secondo Novecento con pagine speciali in cui sono raccolte testimonianze e riflessioni. A partire da oggi il racconto di chi ha vissuto in prima persona l'avvenimento e di chi oggi vive tra Cremona e la Germania.  

Spazio aperto anche a tutti i lettori che volessero condividere le loro esperienze pubblicandole sul nostro sito: scrivete a sito@laprovinciacr.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Novembre 2019