Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Piscina, le minoranze chiedono una commissione speciale di indagine

I capigruppo: 'Accertare se se vi siano responsabilità politiche e amministrative in capo a sindaco, giunta e responsabile del procedimento per mancata vigilanza e per omessa tempestiva adozione di provvedimenti contingibili e urgenti a tutela della salute pubblica'

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

02 Novembre 2019 - 11:35

I lavori sono in ritardo, multa per Sport Management

CREMONA (2 novembre 2019) - Il caso piscina torna prepotentemente al centro dell'attenzione. Il nuovo capitolo lo stanno scrivendo le minoranze in consiglio comunale che chiedono - attraverso un documento condiviso da tutti i capigruppo - la costituzione di una commissione speciale d'indagine.

La richiesta, illustra Maria Vittoria Ceraso arriva "dopo la sentenza del Tar che ha accertato gravi inadempimenti e responsabilità a carico di Sport Management si ritiene necessario accertare se vi siano responsabilità politiche e amministrative in capo a sindaco, giunta e responsabile del procedimento per mancata vigilanza e per omessa tempestiva adozione di provvedimenti contingibili e urgenti a tutela della salute pubblica. Le motivazioni della richiesta sono ben dettagliate nel documento che sarà depositato nei prossimi giorni per essere poi portato all'attenzione del consiglio comunale. La commissione speciale d'indagine potrà essere costituita solo se la maggioranza assoluta dei consiglieri voterà a favore. Si auspica che nessun partito voti contro il legittimo esercizio del consiglio di accertare responsabilità politiche amministrative in capo a chi in quella stessa sede ha sempre negato l'esistenza di gravi problematiche inerenti la gestione della piscina.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400