Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

BASSA PIACENTINA

Insulti sessisti all'arbitro 16enne, cacciata la mamma ultrà

Contestazioni e offese continue alla direttrice di gara durante una partita del settore giovanile a Cortemaggiore

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

31 Ottobre 2019 - 08:50

Insulti sessisti all'arbitro 16enne, cacciata la mamma ultrà

Una fase della partita incriminata a Cortemaggiore

CORTEMAGGIORE (31 ottobre 2019) - Per più di un’ora un’eccessiva mamma-ultrà ha inveito contro l’arbitro, una ragazza 16enne, destinandole insulti sessisti e spiacevoli prese in giro: ieri, una volta appreso l’accaduto, il presidente della società calcistica ha deciso di punirla con una sorta di ‘daspo’ e chiedendole cioè di non presentarsi più sugli spalti.
Siamo nella Bassa Piacentina, a Cortemaggiore, e l’episodio incriminato risale a domenica quando nel campo sportivo locale è stata disputata la sfida categoria Giovanissimi fra Corte Calcio e Us Arsenal, vinta per 5-2 dai padroni di casa. In campo ragazzini di 13-14 anni, arbitrati appunto da una giovane donna. Ed è proprio l’appartenenza al genere femminile ad avere dato il là ai primi apprezzamenti negativi da parte della madre di un calciatore magiostrino. Un crescendo di offese solo in piccola parte documentato da un video, diventato virale sui social e spunto di riflessione anche per il blogger Fogliazza de Il fatto quotidiano, che non cita tuttavia il paese piacentino.
«Questa non vede niente, ma è una donna e non capisce nulla di calcio», commenta inizialmente la mamma in tribuna. Basta qualche fallo fischiato contro il figlio per rincarare la dose: «Non sei alta neanche un metro e 50 e vuoi fare l’arbitro?», «Ma vai a pettinare le bambole», «Sta deficente incapace». E così via, fino a un volgare commento di natura sessuale. Un accanimento durato almeno 70 minuti, diventato ancora più fastidioso quando la ragazza arbitro non ha fischiato quello che a detta della tifosa era «un fuorigioco evidente». Commenti sgradevoli urlati a più riprese, che verso la fine della partita hanno comprensibilmente indispettito la stessa arbitro: si è girata verso la tribuna rispondendo «Basta, quel fuorigioco io non l’ho visto». La mamma, rimproverata già durante la partita anche da altri genitori presenti in tribuna, ieri è stata destinataria di una decisione ufficiale dell’associazione Corte Calcio.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • themitch

    01 Novembre 2019 - 08:49

    Anche mio figlio più o meno di quell'età gioca a calcio ed a volte, veramente, c'è da vergognarsi del comportamento dei genitori che non si rendono conto di dare un cattivo esempio soprattutto al proprio figlio! Secondo questa mamma suo figlio era contento di sentire gli sproloqui urlati dalla madre in tribuna? Signora si vergogni!

    Report

    Rispondi

  • rasgharib

    31 Ottobre 2019 - 09:19

    anche le mamme ci si mettono….

    Report

    Rispondi