Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SONCINO

Caccia ai tordi con richiamo vietato, sequestri dei Cc

Denunciato un settantenne bergamasco che aveva occultato il dispositivo elettronico nella struttura esterna del capanno regolare

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

29 Ottobre 2019 - 17:17

Caccia ai tordi con richiamo vietato, sequestri dei Cc

SONCINO (29 ottobre 2019) - È di un richiamo acustico con annessa batteria e telecomando, un fucile sovrapposto e 25 tordi (bottaccio e sassello) abbattuti, quanto sequestrato dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Cremona in località Gazzabino nel Comune di Soncino in una attività di perlustrazione realizzata congiuntamente con personale della Polizia Provinciale Cremona. Denunciato un settantenne bergamasco che aveva occultato il richiamo elettronico nella struttura esterna del regolare capanno di caccia. Ad insospettire i militari e la Polizia Provinciale all’atto del controllo, un telecomando vicino al cacciatore. In seguito all'ispezione al capanno è stato rinvenuto il dispositivo riproducente il suono stridulo e meccanico detto anche 'zizzo' caratteristico del tordo. Immediata la disattivazione del marchingegno e il contestuale sequestro del fucile e della avifauna abbattuta. Le attività di perlustrazione e controllo al rispetto delle normative dell’attività venatoria, e contrasto alle forme di bracconaggio, incentivate dal Comando Regione Forestale Lombardia e coordinate dal Gruppo Carabinieri Forestali Cremona, proseguiranno per tutta la stagione venatoria.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • edgardo.berticelli

    30 Ottobre 2019 - 22:11

    Penso che il confine tra la caccia ed il bracconaggio sia non ben definito. Chissà se anche il bracconaggio può essere considerato sport! Domanda: corrisponde a verità il fatto che gli importi delle sanzioni applicate ai trasgressori delle leggi in materia venatoria non siano mai state aggiornate a partire dal lontano 1992? Se è veritiero quanto sopra significa che il legislatore si è "dimenticato" di introdurre un automatismo simile a quello che aggiorna, ad esempio, le multe inerenti il Codice della strada. La ragione di ciò: anche i cacciatori (ed i bracconieri ) hanno diritto di voto!

    Report

    Rispondi