il network

Martedì 12 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


QUOTIDIANO IN CLASSE

Liceo Aselli, La Provincia per riflettere

L’esperienza della lettura del giornale offre maggiori possibilità di approfondimento rispetto al web. E così, in aula, partendo dai leader politici del momento si arriva all’etica del Principe di Machiavelli

xx

CREMONA (19 ottobre 2019) - Il quotidiano La Provincia come mappa del mondo, ponte di collegamento tra le materie, spazio per un approfondimento più riflessivo sull’attualità: così, ieri, il giornale è entrato in aula anche al liceo Aselli, nella quarta E dell’indirizzo Scienze Applicate, con il progetto Quotidiano in Classe che sta appassionando gli alunni della professoressa Silvia Taraschi durante le ore di italiano. Grazie al coordinamento dalla referente Paola Trombini, la lettura dei giornali tra i banchi di scuola diventa il momento per una riflessione sulle notizie e gli argomenti del giorno, senza finire risucchiati nella centrifuga frenetica del web. Anzi, sfruttando a fondo l’esperienza di lettura sul caro vecchio supporto cartaceo per agganciare i temi del momento alle materie di studio. Così, per esempio, gli articoli sulla vita privata dei leader contemporanei diventano un pretesto per arrivare all’etica politica del Principe di Machiavelli. La sfera dei temi affrontati è ampia: ambiente, innovazione scientifica e tecnologica, sport e gossip. I ragazzi, con i loro sguardi vispi e coinvolti, sono quasi sorpresi dalle potenzialità espressive del quotidiano, abituati ad una fruizione molto più diretta sul web, e spesso filtrata dai social media. «Abbiamo abbracciato il progetto perché sappiamo che gli interessi dei ragazzi sono legati soprattutto a temi d’attualità — spiega la professoressa Taraschi —. La lettura dei giornali in classe ci permette di collegare argomenti, materie, mondi ed epoche diverse. Si va oltre il modello della lezione tradizionale: così l’approccio diventa più trasversale e interattivo». E anche gli studenti apprezzano l’iniziativa: «Il progetto è un’alternativa molto stimolante alla classica lezione frontale» racconta Daniele Reboani, mentre Rebecca Ferrari spiega il collegamento tra la politica contemporanea e Machiavelli: «Partendo dagli articoli sulla vita privata dei politici, abbiamo sviluppato una riflessione sulla privacy dei grandi leader e su quanto essa debba influire nelle elezioni, collegandoci all’etica del Principe». Per chiudere, una riflessione interessante di Michele Sartore sulle differenze tra web e giornale cartaceo: «Sui social media e online le notizie puntano sulla velocità, a discapito della profondità di analisi. Sui giornali invece noto un approccio ai fatti più completo e accurato». L’informazione tra i giovani: un investimento per il futuro. Un futuro che parte proprio da qui, dai banchi del liceo, da un quotidiano in classe e da uno sguardo aperto e consapevole sul mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Ottobre 2019