il network

Domenica 20 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMONA

Il compagno Emilio in coma: è stata solo un'aggressione

Cade l’accusa di tentato omicidio che il pm Lisa Saccaro aveva contestato a Guido Vito Taietti (condannato a sette anni e due mesi di reclusione) e Gianluca Galli (2 anni e 6 mesi), i due leader dell’estrema destra

Il compagno Emilio in coma: è stata solo un'aggressione

Domenica 18 gennaio 2015, il giorno dell'aggressione

CREMONA (8 ottobre 2019) - Domenica 18 gennaio 2015: al termine di Cremonese-Mantova, il derby giocato allo Zini, nel vicino piazzale del Foro Boario scoppia una violenta rissa tra gli antagonisti del centro sociale Dordoni e i militanti di Casapound. Volano sprangate, calci e pugni. A terra, ridotto in coma, finisce Emilio Visigalli, il ‘compagno’ colpito con una sprangata in testa e preso a calci. Da oggi, quella domenica di violenza inaudita ha i suoi colpevoli. Cade l’accusa di tentato omicidio che il pm Lisa Saccaro aveva contestato a Guido Vito Taietti e Gianluca Galli, i due leader dell’estrema destra, per i quali aveva chiesto 8 anni di reclusione ciascuno.
Non tentato omicidio, quindi, ma lesioni gravissime ai danni di Visigalli. Così ha deciso il tribunale che, nel riqualificare il reato, ha condannato a sette anni e due mesi di reclusione Taietti, accusato anche di rissa. Dei 17 imputati, dieci di CasaPound e sette del Dordoni), è quello che prende la pena più alta. Galli è invece stato assolto dall’accusa di tentato omicidio e condannato, per rissa, a 2 anni e 6 mesi di reclusione.
Nella domenica di violenza, lo stesso Galli finì in ospedale con una profonda ferita alla testa. A colpirlo fu solo l’antagonista Michele Arena, condannato (anche per rissa e per aver portato fuori dall’abitazione le spranghe) a 4 anni e 4 mesi di reclusione. Non anche Emilio Visigalli e Alberto Birzi, entrambi quindi assolti dall’accusa di lesioni, ma condannati per rissa e per aver portato fuori le spranghe, rispettivamente a 3 anni e 2 mesi e 2 anni e 2 mesi di reclusione.
Taietti dovrà risarcire i danni a Visigalli: il tribunale lo ha condannato ad una provvisionale di 30mila euro. A sua volta. Arena dovrà risarcire Galli: il tribunale ha fissato una provvisionale di 5mila euro. Per rissa e per aver portato fuori dalle abitazioni le spranghe, sono stati condannati entrambi ad 1 anno e 8 mesi di reclusione gli antagonisti Gianluca Rossi e Filippo Esposti.
Solo per rissa, sono stati condannati a 1 anno di reclusione gli autonomi Jonathan Carnesella e Andrea Romagnoli, e sul fronte di CasaPound, Matteo Bassanetti, Andrea Visigalli, Michael Gorini, Rubens Rubini, Riccardo Scandolara e Alessandro Piacentini. Per tutti, pena sospesa.
Mentre sono stati assolti dall’accusa di rissa Lorenzo Ranelli e Stefano Zaffanella, entrambi di CasaPound.
La motivazione della sentenza sarà depositata entro novanta giorni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

08 Ottobre 2019

Commenti all'articolo

  • Paolo

    2019/10/09 - 09:09

    Tutti fuori naturalmente.

    Rispondi