Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Aler, addio alle palazzine della vergogna

Il pressing del Comune ha successo, l'ente sta appaltando i lavori

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

06 Ottobre 2019 - 10:46

aler

CREMONA (6 ottobre 2019) - Il pressing del Comune sull’Aler comincia a dare risultati importanti. Quello varato nelle scorse settimane sembra uno spirito di collaborazione in grado di sbloccare varie situazioni rilevanti, a tutto vantaggio del colpo d’occhio in alcune zone della città che da decenni sono altrettanti scorci da terzo e quarto mondo. L’altro giorno, nell’incontro tenuto Comune tra i vertici dell’Aler ed alcuni esponenti dell’amministrazione comunale — il vice sindaco Andrea Virgilio, gli assessori Rosita Viola e Maurizio Manzi nonché alcuni funzionari — sono stati affrontati i due nodi principali: l’intervento di recupero dell’immobile di via via Fratelli Bandiera (quartiere Sabbie, all’inizio di via Bergamo) e l’intervento di recupero dell’immobile di via Ghinaglia -via Santa Croce. Per quanto riguarda l’intervento di recupero dell’immobile di via via Fratelli Bandiera, Aler ha confermato che si è concluso il procedimento di affidamento dell’appalto dei lavori, che è stato inviato il contratto all’appaltatore per raccoglierne la firma e che la consegna dei lavori, nel rispetto dei termini di legge, dovrebbe avvenire entro il mese di novembre, ancora prima del dicembre indicato alcune settimane fa. Relativamente all’intervento di recupero dell’immobile di via Santa Croce, i cui lavori sono stati interrotti a causa di un contenzioso con l’impresa affidataria protrattosi nei diversi gradi di giudizio per quindici anni, Aler ha invece di nuovo evidenziato i problemi tecnici legati ad una riprogettazione complessiva dell’intervento che si rende necessaria alla luce del nuovo quadro tecnico normativo nel frattempo intervenuto e in considerazione dei vincoli che gravano sugli immobili (vincolo della Soprintendenza per i beni ambientali ed architettonici e ubicati nella fascia di rispetto delle ferrovie).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400