Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Spunta la tassa sullo zerbino, insorge un artigiano

Il titolare di un esercizio di via Mercatello solleva la questione e protesta: 'E' lì da 20 anni, mai successo, cifra raddoppiata per omessa dichiarazione'. E il Comune convoca Ica

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

05 Ottobre 2019 - 19:33

Spunta la tassa sullo zerbino, insorge un artigiano

CREMONA (5 ottobre 2019) - Da settimane si parla di autunno caldo, di stangate, di rincari nelle tariffe, del paventato aumento dell’Iva. Nel loro piccolo, i commercianti cremonesi si trovano alle prese con innovazioni tributarie che lasciano a dir poco perplessi. Ad esempio tassare lo zerbino all’ingresso di un negozio, un rettangolo di stoffa di meno di un metro quadrato che è lì a da vent’anni e che mai nessuno aveva considerato strumento di comunicazione alla stregua di cartelloni insegne e simili. Spieghiamo subito che la vicenda è non riconducibile a una decisione del Comune, bensì della concessionaria alla riscossione, Ica Srl, i cui funzionari sono già stati convocati per lunedì dall’assessore al Bilancio Maurizio Manzi appena avuta notizia di queste notifiche. La vicenda è stata portata alla luce nelle scorse ore da un commerciante di via Mercatello. "La new entry di quest'anno nella lista di voci sottoposte a imposta comunale - spiega -  in funzione del metro quadrato occupato, è stata lo zerbino riportante il logo del brand del negozio! Zerbino che è presente da quasi 20 anni ma che quest'anno il comune ha pensato bene di mettere a reddito per un totale di 37,95 euro. Aggiungiamo poi una sanzione per omessa denuncia dello zerbino che comporta un raddoppio dell'importo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • themitch

    06 Ottobre 2019 - 09:20

    Bisogna pure pagare le fosse dell'amministrazione comunale come la pavimentazione di pregio e le piste ciclabili più pericolose delle strade stesse!

    Report

    Rispondi

  • giuliobo

    05 Ottobre 2019 - 23:32

    La soluzione è mettere lo zerbino senza logo.

    Report

    Rispondi

  • emeritokoglione

    05 Ottobre 2019 - 20:18

    Bollo, targa, casco, assicurazione e revisione delle biciclette no? Perchè? sono mezzi meccanici circolanti, possono subire o causare danni, richiedono spese per piste e parcheggi. Ho capito, le usa la casta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti