Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Anomalie sulle ambulanze, l'ombra di un sabotaggio

In estate una serie di segnalazioni legate allo stato delle dotazioni medicali a bordo dei mezzi. La presidente Uberti ha presentato un esposto contro ignoti. Nei giorni scorsi i sopralluoghi del Nas

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

05 Ottobre 2019 - 09:39

Anomalie sulle ambulanze, l'’ombra di un sabotaggio

CREMONA (5 ottobre 2019) - «È stato un atto dovuto. Compiuto con l’obiettivo di tutelare il buon nome della Croce Rossa Italiana (Cri), che a Cremona è da sempre una presenza importante. Siamo del tutto tranquilli. Aspettiamo l’esito delle indagini in corso». Loredana Uberti, presidente della Cri cremonese, inquadra così l’esposto da lei stessa depositato (contro ignoti) presso la procura della Repubblica di Cremona, relativo a segnalazioni che hanno riguardato, in particolare, presunte anomali nelle dotazioni medicali a bordo dei mezzi di soccorso. Segnalazioni che si sono succedute durante l’estate appena terminata.
Nei giorni scorsi, a più riprese, i carabinieri del Nucleo anti sofisticazione (Nas) hanno svolto sopralluoghi presso la sede della Cri di via Persico, e, ovviamente anche a bordo delle ambulanze. Al termine di quelle verifiche non sarebbe emerso alcunché di rilevante ma le indagini proseguono.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400