Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA. INCONTRO

Giornata del migrante: «Un’emergenza che non c’è»

Al Centro pastorale convegno alla presenza di esperti, amministratori e del vescovo Napolioni. «L’Italia vive l’ansia di una presenza sul territorio percepita tre volte e mezza superiore al reale»

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

28 Settembre 2019 - 19:10

Giornata dei migranti: «Un’emergenza che non c’è»

Il vescovo Antonio Napolioni

CREMONA (28 settembre 2019) - Schiacciati da una logica dell’emergenza continua che regola le politiche più recenti sull’immigrazione, l’Italia vive l’ansia di una presenza percepita di migranti sul territorio di 3,5 volte superiore al reale. Nel resto d’Europa, dove pure la presenza è sovrastimata, la cifra è gonfiata soltanto di 2 volte. Sono queste alcune delle considerazioni che l’avvocato Giulia Vicini di Asgi - Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, ha offerto questa mattina al Centro pastorale in occasione della Giornata del Migrante e del Rifugiato, dal titolo ‘Non si tratta Solo di Migranti’ e organizzata dagli Uffici pastorali Migrantes e Caritas della Diocesi di Cremona. Alla presenza del vescovo Antonio Napolioni, nel corso della mattinata, coordinata da Alessio Antonioli della Caritas, sono state prese in esame le linee di continuità fra le logiche emergenziali che hanno fin qui orientato buona parte della gestione dei flussi migratori nel nostro Paese. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spippomv

    29 Settembre 2019 - 10:24

    Un’emergenza che non c’è probabilmente per i diretti interessati, ma per chi deve pagare tutto questo forse si.... ,..e’ come avere un tumore ma il medico ci rassicura che è solo ansia...ma la realtà purtroppo è ben diversa carissima Avv.

    Report

    Rispondi

  • themitch

    29 Settembre 2019 - 08:26

    Praticamente tutti quelli che "mangiano" dietro questo traffico cercano di farci credere che quello che vediamo tutti i giorni in realtà ce lo sogniamo ed è frutto della nostra immaginazione!

    Report

    Rispondi