Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Conservatorio allo Stato, ancora due anni di attesa

Partita infinita: i tempi per definire il futuro del Monteverdi restano lunghi ma la statizzazione non è in discussione. Il presidente Rurale si appella alla politica

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

23 Settembre 2019 - 08:40

Conservatorio allo Stato, ancora tre anni di attesa

Allievi dell’istituto superiore di studi musicali Monteverdi

CREMONA (23 settembre 2019) - Conservatorio avanti tutta. Ma il percorso infinito della statizzazione si annuncia ancora lungo: dovrebbe arrivare a compimento entro il 2021. Intanto, però, i primi risultati si vedono, soprattutto in termine di impegno di risorse. «La statizzazione del Monteverdi non è in discussione — afferma il presidente Andrea Rurale —: ora si tratta di adempiere ad una serie di step che porteranno il Ministero a trasformare definitivamente il nostro istituto superiore di studi musicali in conservatorio, con un sostegno importante da parte del Ministero per quanto riguarda il personale docente e amministrativo. C’è tempo sino a fine mese per inserire tutta la documentazione richiesta dal Ministero, dopo di che inizieranno i lavori della commissione di valutazione, che produrrà un testo di convenzione da sottoscrivere tra Conservatorio (una volta statizzato), Miur e Comune. Terminato tutto l’iter, diminuirà il contributo comunale, che dalla nascita dell’istituto ha rappresentato la principale fonte di finanziamento, alleggerendo dunque l’ente locale». Che negli anni ha comunque inevitabilmente diminuito il suo contributo.

L’attualità: proprio nei giorni scorsi si è proceduto a firmare il patto di federazione con gli istituti musicali di Bergamo, Pavia e Gallarate, firma che giovedì sarà ratificata dal consiglio di amministrazione. Un accordo siglato per rispettare i parametri numerici oltre che quantitativi richiesti dal Miur: «Il Monteverdi è una realtà ben accreditata dal punto di vista accademico e formativo, ma con un numero di iscritti all’alta formazione limitato — continua Rurale —. Per questo unirsi con gli altri tre conservatori in attesa di statizzazione come noi significa unire le forze, pur mantenendo autonomia e identità territoriale».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400