Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

RIVOLUZIONE FIRMATA CREMONA

Tumore al seno, la chemioterapia si può evitare

Pubblicato su The Lancet lo studio coordinato da Daniele Generali. Con lui anche Sergio Venturini

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

22 Settembre 2019 - 08:21

Tumore al seno, la chemioterapia si può evitare

CREMONA (22 settembre 2019) - Per oltre 24.000 donne italiane con tumore al seno metastatico, pari al 65 dei casi per questo tipo di neoplasia, la chemioterapia può essere evitata e sostituita con cure mirate. La svolta arriva da un grande studio internazionale, coordinato da ricercatori italiani e appenda pubblicato su Lancet Oncology, che ha dimostrato per la prima volta che in queste pazienti la combinazione di ormonoteraia e delle nuove terapia a bersaglio molecolare (inibitori di CDK4/6) è più efficace o equivalente rispetto a tutti i regimi di chemioterapia. Ed è uno studio che parla in larga parte cremonese. Insieme a Mario Giuliano (Università Federico II di Napoli) è stato infatti coordinato dal professor Daniele Generali, che in città guida l’Unità di Patologia Mammaria ed il laboratorio di Terapia molecolare e Farmacogenomica dell’Asst, affiancando a questi incarichi l’attività di docente universitario in qualità di professore associato di oncologia medica a Trieste e professore a contratto in oncologia molecolare ad Oxford. A firmare un colossale e particolarmente sofisticato lavoro di analisi statistica è stato invece un altro accademico cremonese, il professor Sergio Venturini, cattedre alla Bocconi di Milano ed all’Università di Torino. I ricercatori hanno effettuato un’analisi in 140 studi (pubblicati fra il 2000 ed il 2017) che ha incluso 50.029 pazienti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400