il network

Mercoledì 16 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


TRA BRESCIANO E CREMONESE

Vitigni sull’Oglio dopo 600 anni

Inaugurato ad Acqualunga il progetto di coltivazione sperimentale: ospita ricercatori e studenti, produrrà Cabernet, Marzemino, Barbera, Syrah e Merlot, l’anno prossimo la prima vendemmia

Vitigni sull’Oglio dopo 600 anni

BORGO SAN GIACOMO (Brescia, 20 settembre 2019) - Dopo 600 anni il vino torna a bagnare le terre della Valle dell’Oglio. Ieri nella cascina Cuore di Acqualunga è stato presentato al pubblico il primo vitigno tra Bassa Bresciana e Cremonese. E’ gestito, in fase sperimentale, dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia, finanziato dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Borgo San Giacomo e servirà da banco di prova per gli studenti dell’agraria dell’istituto Dandolo. Produrrà Cabernet, Marzemino, Barbera, Syrah e Merlot. L’anno prossimo prima vendemmia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Settembre 2019