il network

Venerdì 20 Settembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. L'ESEMPIO

La forza di Marco, diabetico diventato Ironman

La storia e le sfide del testimonial Mangiarotti: la malattia diagnosticata a 24 anni, l’angoscia e la paura, l’inizio di una nuova vita. Seguendo Redgrave

La forza di Marco, diabetico diventato Ironman

CREMONA (11 settembre 2019) - Una giornata di movimento e di sensibilizzazione per abbattere pregiudizi, aprire nuovi orizzonti sportivi a giovani diabetici e non solo, includere attraverso il divertimento e l’agonismo. Domenica mattina, a partire dalle 9 nel verde del parco delle Colonie Padane, lo sport diventa un mezzo informativo e terapeutico con la prima edizione di ‘Attività fisica, diabete e benessere’. L’innovativo evento multidisciplinare nasce per affermare quanto la pratica sportiva sia importante non solo in termini di prevenzione e lotta al diabete, ma anche per chi con la malattia è costretto a convivere. Lanciata da un’idea dal triatleta diabetico Marco Mangiarotti (Stradivari) e da Andrea D’Avossa (coordinatore delle Colonie Padane), la giornata è stata organizzata grazie alla sinergia tra l’Associazione Diabetici Cremonesi e le Unità diabetologiche, con il patrocinio del Comune di Cremona e dell’Uisp. 

In prima fila, dunque, c'è il triatleta Marco Mangiarotti perfetto testimonial della manifestazione. Classe 1975, cremonese doc, Mangiarotti si è visto diagnosticare il diabete tipo 1 quando aveva 24 anni. Giorni di angoscia e di paura, una settimana di ricovero, poi l’inizio di una nuova vita, nella quale Marco ha intensificato l’attività sportiva quotidiana per diminuire i picchi della glicemia e l’impatto traumatico delle iniezioni di insulina. Lo sport come terapia. La sfida è iniziata da un articolo sul fuoriclasse del canottaggio Steve Redgrave (anche lui diabetico), letto in ospedale nei momenti più difficili

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Settembre 2019

Commenti all'articolo

  • Marica

    2019/09/11 - 10:10

    GRANDE MARCO!!!

    Rispondi