il network

Venerdì 20 Settembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ospedale, rivoluzione al centro endocrino

Da lunedì la sede degli ambulatori sarà al piano terra del Maggiore

Ospedale, rivoluzione al centro endocrino

CREMONA (7 settembre 2019) - Ai nastri di partenza la nuova organizzazione del Centro endocrino metabolico dell’ospedale di Cremona, dopo settimane segnate da parecchi disagi per gli utenti a fronte della sostanziale soppressione della segreteria. A partire da lunedì, infatti, gli ambulatori del Centro si sposteranno dall’attuale sede al sesto piano del monoblocco di Largo Priori ai poliambulatori situati al piano terra sul lato sinistro. Più precisamente, «verranno collocati accanto alla sala d’attesa 3», spiega la nota diffusa dall’Azienda socio sanitaria territoriale, che dal gennaio scorso è guidata dal direttore generale Giuseppe Rossi.
Frequentato da centinaia di cremonesi, il Centro endocrino metabolico dell’ospedale tratta le patologie tiroidee, paratiroidee, ipofisarie e surrenaliche; è inoltre Centro di riferimento per l’osteoporosi e le malattie metaboliche dello scheletro, e Centro regionale per le malattie rare - Sindromi autoimmuni polighiandolari ed iperaldosteronismo.
Dal punto di vista operativo, la nuova organizzazione del Centro funzionerà in questo modo. Per la prenotazione degli appuntamenti e il ritiro dei referti bisognerà rivolgersi al Cup, dove si dovrà presentare — nel caso di ritiro dei referti — il modulo a suo tempo ricevuto dal personale dei Poliambulatori. Il Centro unico di prenotazione è collocato al padiglione 12 dell’ospedale, con ingresso da Largo Priori; è aperto tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 7.15 alle 18.30; mentre al sabato la fascia oraria a disposizione del pubblico è limitata al solo mattino, dalle 7.30 alle 12.30.
Si può anche fare riferimento telefonicamente al Contact center regionale, chiamando dal lunedì al sabato (dalle 8 alle 20) il numero verde e gratuito 800 638 638. Oppure, da cellulare, il numero 02 999 599, ma in questo caso il numero è a pagamento.
Per quanto riguarda il ritiro dei farmaci, i piani terapeutici e la consegna della documentazione sanitaria, sarà invece necessario rivolgersi agli operatori sanitari, presso i Poliambulatori.
Il nuovo sistema dovrebbe permettere di eliminare, o quantomeno di ridurre in modo sensibile, i disagi riscontrati nei giorni scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

06 Settembre 2019