il network

Venerdì 20 Settembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Urto violentissimo auto-moto, la vittima è Simone Araldi

L'ennesimo tragico incidente è avvenuto in via Mantova. L'automobilista è stato denunciato per omicidio stradale

Urto violento auto-moto, motociclista  in terapie intensive

CREMONA (17 agosto 2019) - Non ce l'ha fatta il 34enne coinvolto nel gravissimo incidente di ieri sera. Intorno alle ore 22, Simone Araldi - residente in città - in sella alla sua una moto Kawasaki 650 cc, mentre percorreva  via Mantova diretto verso la periferia, è stato travolto da una Renault Clio condotta da un 64enne in uscita da via dei Partigiani, che svoltava a sinistra in direzione del centro città. 

A seguito dell'urto violentissimo, il motociclista era stato trasportato in codice rosso presso il reparto di Terapia intensiva dell'Ospedale Maggiore. Ma a causa delle gravissime ferite riportate, Simone Aradi è morto in ospedale intorno alle tre di questa mattina. 

Sul posto erano intervenute due pattuglie della Polizia Locale per i rilievi di rito e per regolare la viabilità rallentata: il 64enne, non avendo dato la precedenza al motociclista, è stato denunciato per omicidio stradale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Agosto 2019

Commenti all'articolo

  • Carlo Maria

    2019/08/18 - 22:10

    Simone era un ragazzo dal cuore grande e dalla grande forza interiore, non è solo morto un figlio quella notte, è morto un uomo vero, un uomo dal cuore d'oro ed è una perdita che lascerà un segno TERRIFICANTE e INDELEBILE. Gli sarò grato eternamente per tutto ciò che ha fatto per me e per tutti i bei momenti. E poi ragazzi, non prendiamoci in giro, le moto sono mezzi pericolosi e quelle sportive lo sono ancora di più, perché sono pensate e progettate per essere veloci. Non scadiamo nel banale dicendo "Andava troppo veloce", perché le moto VANNO veloci. Se invece le persone invece di buttarsi valutassero bene le precedenze ora il mio amico sarebbe ancora qui, e questo maledetto incubo non sarebbe mai esistito.

    Rispondi

  • Giorgio

    2019/08/17 - 13:01

    Perché i motociclisti non rispettano i limiti di velocita'? Sulla via Persico, le auto vanno a 50/60 km/h, le moto a 100/120 Km/h...perché?

    Rispondi

    • Carlo Maria

      2019/08/18 - 22:10

      E perché le persone non danno le precedenze...perchè?

      Rispondi

  • renzo

    2019/08/17 - 12:12

    Non sarà questo caso, ma spesso le moto non rispettano i limiti di velocità, ed impegnare gli incroci per le macchine può rappresentarne un problema. Poi la sera, le moto avendo un solo fanale, calcolare i tempi di impegno dei vari incroci diventa un po' più difficile. Qui si parla di urto violentissimo...... quindi.....

    Rispondi

    • Carlo Maria

      2019/08/18 - 22:10

      Quindi nel dubbio ti fermi, non nel dubbio vai! Troppe vite sono state rovinate quella notte. Ho perso un caro amico e maestro. Dare la colpa alle moto è comodo, lo è sempre stato.

      Rispondi

      • renzo

        2019/08/19 - 08:08

        Basta vedere come è ridotta la moto. Non aggiungo altro.

        Rispondi

        • Carlo Maria

          2019/08/20 - 01:01

          Molto del rivestimento esterno delle moto è di plastica, che siano 120 o 70 km/h il risultato cambia davvero poco. Inoltre sono stato di persona sul luogo dello schianto, la visibilità c'è, non voglio incolpare il povero automobilista, visto che pure la sua vita è rovinata, ma vi assicuro che bastava guardare bene.

          Rispondi

        • Carlo Maria

          2019/08/19 - 18:06

          Ecco meglio se non aggiungi altro.

          Rispondi