il network

Lunedì 19 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


REGIONE LOMBARDIA

Bando da un milione per le start up di moda e design

La misura pubblicata si chiama New Fashion and Design: i criteri per partecipare

Bando da un milioni per le start up di moda e design

MILANO (7 agosto 2019) - Regione Lombardia ha pubblicato, oggi, sul Bollettino Ufficiale (Burl) il bando New Fashion and Design, i cui criteri sono stati approvati dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni.

La misura prevede una dotazione finanziaria di 1 milione di euro a sostegno delle start up del settore moda e design che hanno effettuato investimenti in impianti, macchinari e attrezzature per consolidare la propria attività. Il provvedimento sostiene anche le spese per l'acquisizione di servizi finalizzati alla loro promozione, alla digitalizzazione e all'incubazione e accelerazione. La domanda di partecipazione al bando dovrà essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa 'Bandi online' all'indirizzo www.bandi.servizirl.it a partire dalle ore 10 del 18 settembre sino alle ore 12 del 2 ottobre 2019.

"Si tratta di una misura rivolta alle piccole e medie imprese di due settori come la moda e il design, strategici per l'economia lombarda e nazionale - dice l'assessore Magoni -. I numeri confermano che la Lombardia rappresenti un vero e proprio hub del design: le politiche regionali devono in tal senso incentivare l'alto livello tecnologico e creativo del tessuto produttivo dei territori, in modo da rendere le nostre aziende sempre più competitive in ambito internazionale".

Sono considerate ammissibili le spese per il consolidamento della propria attività effettuate dal 1 gennaio al 17 settembre 2019. Per quanto concerne la 'Linea A', gli investimenti, gli interventi possono essere relativi a: ammodernamento della sede dell'impresa; potenziamento delle strumentazioni e dotazioni tecnologiche al fine di rendere le start up più competitive nel settore di riferimento. Per la 'Linea B' (spese correnti), gli interventi concernono: servizi finalizzati alla promozione e al marketing; servizi volti alla digitalizzazione dei processi e dei canali di vendita; servizi di incubazione e accelerazione. Ogni impresa potrà presentare al massimo una domanda a valere su ciascuna linea di intervento.
I soggetti beneficiari sono le piccole e medie imprese costituite da non più di 48 mesi con sede operative in Lombardia rientranti nei seguenti codici Ateco 2007:

C13 - industrie tessili;
C14 - confezione di articoli di abbigliamento; confezione di
articoli in pelle e pelliccia;
C15 - fabbricazione di articoli in pelle e simili;
C16 - industria del legno e dei prodotti in legno e sughero,
esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in paglia e
materiali da intreccio;
C23 - fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di
minerali non metalliferi;
C27 - fabbricazione di apparecchiature elettriche e
apparecchiature per uso domestico non elettriche;
C31 - fabbricazione di mobili
C32.1 - fabbricazione di gioielleria, bigiotteria e articoli
connessi; lavorazione delle pietre preziose
32.50.4 - fabbricazione di lenti oftalmiche
32.50.5 - fabbricazione di armature per occhiali di qualsiasi
tipo; montatura in serie di occhiali comuni.

L'agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili, sino ad un massimo di 30.000 euro. L'investimento minimo previsto è di 15.000 euro.

07 Agosto 2019