il network

Lunedì 22 Luglio 2019

Altre notizie da questa sezione


L'INCHIESTA

Cremona dissing, «Finisce che vi ammazziamo di botte»

La classe dell’Itis ricattata: in esclusiva, ecco le minacce pseudo mafiose dei bulli agli studenti della prima. Avvertimenti in chat: «Dateci i soldi o vi potrebbero capitare cose brutte»

Cremona dissing,  «Finisce che vi ammazziamo di botte»

I carabinieri in piazza Marconi, uno dei luoghi scelti dai bulli per affrontarsi nelle risse

CREMONA (11 luglio 2019) - Le minacce sono 4.0, nel senso che vengono avanzate sulla chat di Whatsapp. Ma sanno di avvertimento mafioso vecchio stampo: «Datemi i soldi perché altrimenti chiamo gente pericolosa e vi potrebbero capitare cose non belle, cose davvero molto brutte». E ancora: «Fate saltare fuori i soldi subito, che altrimenti finisce male, finisce che vi ammazziamo di botte». Eccole, le intimidazioni rivolte dai baby bulli ai ragazzi della prima dell’Itis Torriani ricattati. E fanno impressione, per il tono che esprimono, anche solo a leggerle, così come compaiono nelle sei pagine dell’ordinanza di applicazione della misura cautelare in regime di detenzione domiciliare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale per i Minorenni di Brescia, Francesca Caprioli. Si tratta degli atti di accusa a carico di tre dei sette ragazzini terribili arrestati nell’ambito dell’inchiesta Cremona dissing, nello specifico studenti di 15, 16 e 17 anni, nati e residenti a Cremona ma di origini maghrebine, che all’autorità giudiziaria dovranno rispondere di ‘tentata estorsione aggravata in concorso’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

11 Luglio 2019