il network

Domenica 22 Settembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


MIRACOLO A SAN FELICE

Sta bene il bimbo di due anni precipitato dal secondo piano

Tragedia sfiorata: il piccolo Matias, romeno, è caduto fra erba e cemento dopo un volo di cinque metri. Si è sporto dalla finestra mentre i genitori stavano cambiando la sorellina in un’altra stanza

Salvo bimbo di due anni precipitato dal secondo piano

CREMONA (10 luglio 2019) - Giocava nella sua cameretta, Matias. Era solo: mamma e papà stavano in cucina, impegnati a cambiare l’altra figlia, ancora più piccola. E lui, tre anni ancora da compiere, con la voglia di esplorare che proprio a quell’età inizia a svilupparsi, si è arrampicato sopra un mobiletto, una sorta di armadio basso pieno di giochi vicino alla finestra aperta della stanza da letto. Non si sa come, è riuscito ad arrivare sul pianale e da lì al davanzale della finestra. Deve essersi sporto troppo, oppure aver perso l’equilibrio. E dalla finestra è caduto: precipitato per poco meno cinque metri, dal secondo piano fin giù nel cortile interno del palazzo, tra erba e cemento. Un volo potenzialmente mortale. Quasi sempre letale. Figurarsi a quell’età. E invece Matias non si è fatto quasi nulla: «Escoriazioni e lieve compressione polmonare» è la prima diagnosi stilata al Pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Maggiore.
Salvo per miracolo.
Davvero. Almeno chi crede, non ha dubbi. Non ne hanno i genitori, passati in un istante dall’incubo al sollievo, trasfigurati dentro un viaggio rapido dall’inferno al paradiso, dal timore della morte alla certezza di una quasi resurrezione: qualcuno, in quella caduta, deve aver sorretto il piccolo romeno e averne attutito l’impatto a terra. Non più tragedia ma tragedia solo sfiorata.
Storia di ieri pomeriggio, prima drammatica e poi meravigliosamente a lieto fine: è successo a San Felice, in uno degli edifici di edilizia popolare che l’Aler gestisce in via Caudana. È lì che, alle sei e mezza del pomeriggio, un passante, un giovane residente, ha prima sentito un tonfo e poi il pianto: Matias era appena caduto e stava come rannicchiato vicino alla basculante grigia e scrostata di uno dei sei garage dello stabile. Si è messo ad urlare, il ragazzo, chiedendo aiuto. E urlando ha attirato l’attenzione dei genitori del bimbo: sono scesi in un lampo, la madre casalinga e il padre operaio. Con il terrore nel cuore. Ma con loro figlio ancora vivo. Comunque disperati, hanno allertato il 118 mentre altri abitanti del quartiere avvisavano anche i carabinieri. Sono stati gli specialisti del nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia ad eseguire i rilievi e ad escludere, da subito, ogni tipo di ipotesi alternativa all’incidente.
Intanto, sull’ambulanza seguita dai genitori e da alcuni parenti, Matias raggiungeva l’ospedale: è stato sottoposto a tutti gli accertamenti del caso e non sono emerse lesioni importanti. Resterà comunque ricoverato in osservazione per i prossimi giorni. In serata, però, già stava guardando i cartoni animati in tv.
Il prossimo 8 agosto sarà il suo compleanno: tre anni, fra un mese; nato un’altra volta, ieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Luglio 2019