il network

Martedì 25 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


SORESINA. IL CASO

'Stop al Centro islamico', il don: non si nega la preghiera

La consigliera Tirloni: «Dovremmo seguire l’esempio di Casalmaggiore: chiudetelo». Il sindaco: «Dai controlli è tutto in regola». Il parroco: «La libertà di culto non si discute»

'Stop al Centro islamico', il don:  non si nega la preghiera

SORESINA (11 giugno 2019) - «Non si può negare la preghiera: verrebbe meno un diritto fondamentale. A meno di gravi e conclamati motivi di sicurezza, la libertà di culto non deve essere messa in discussione». Il parroco don Angelo Piccinelli si esprime così sulla questione sollevata da Annalisa Tirloni, consigliere di SiAmo Soresina, che sollecita il Comune a compiere maggiori controlli all’interno del centro culturale islamico di via Cremona, e a fermarne l’attività qualora venissero accertate violazioni.  Così il sindaco Diego Vairani: «Dai controlli è tutto in regola». Il parroco: «La libertà di culto non si discute».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Giugno 2019

Commenti all'articolo

  • Mino

    2019/06/13 - 04:04

    @Angelo. "... ne vado orgogliosa ... " qualcuna ha scritto il commento per te? "Ancora ... " Ben contenta di essere nata in questo Paese nonostante tutto e altri ( che con validi motivi, fortunatamente, non la pensano come te o come lei, nel senso di donna). "... nel rispetto delle regole del vivere comune e civile". Purtroppo gli islamici ed i buonisti non rispettano quella liberta' di culto da te menzionata ed inoltre, non rispettano nemmeno il vivere comune e civile: la cronaca quotidiana dei loro comportamenti lo conferma! Continuando a sostenere l'islamizzazione del Paese, la pregiera del venerdi alla moschea, sostituira' la messa della domenica ed altre iniziative contro la cristianita'. Il colmo di questa realta' e' che il cristianesimo in Italia e' la religione di Stato. Benvenga un brindisi con pane e salame, alla faccia dei buonisti, illusi rompiscatole per natura!

    Rispondi

  • marco

    2019/06/11 - 14:02

    Propongo un benvenuto con pane e salame !

    Rispondi

  • angelo

    2019/06/11 - 11:11

    La libertà di culto è una delle tante libertà sancite dalla nostra Costituzione di cui ne vado orgogliosa e ne faccio vanto. Ben contenta di essere nata in questo Paese nonostante tutto e altri. Nel rispetto delle regole del vivere comune e civile: non vorrei mai essere peggio. In alto i cuori e viva i "buonisti"

    Rispondi

  • Mino

    2019/06/11 - 08:08

    Il parroco? Non mi meraviglierei se alla fine della preghiera portasse loro tramezzini e bibite! Un'altro buonista 'bastian contrario' nonostante la generale contrarieta' dei cittadini italiani verso il ploriferare dell'Islam in Italia!

    Rispondi

    • la talpa

      2019/06/11 - 13:01

      sindaco e parroco che fanno comunella …….Soresina sempre peggio

      Rispondi