il network

Martedì 25 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

La buona sanità. Cure oncologiche, approccio umano

Importante riconoscimento per la ricerca dell'equipe della Divisione di Oncologia del Maggiore diretta da Rodolfo Passalacqua

La buona sanità. Cure oncologiche, approccio umano

Rodolfo Passalacqua con l’equipe Day Hospital e ARCE

CREMONA (9 giugno 2019) - Importante riconoscimento per la ricerca all’Oncologia di Cremona: uno studio dell’equipe del Maggiore è stato ammesso al meeting dell’American Society Clinical Oncology (Asco) che si è appena concluso a Chicago, dove da relatore è intervenuto Rodolfo Passalacqua, direttore dell’unità operativa di Oncologia.
A finire sotto i riflettori, lo studio sull’umanizzazione delle cure oncologiche che dimostra per la prima volta come un intervento di tipo psicosociale migliori la qualità di vita dei malati oncologici.
«Un risultato importante e innovativo che cambia la pratica clinica e che alcuni fra i centri oncologici più autorevoli d’Italia hanno già messo in pratica con esiti molto positivi» il primo commento di Passalacqua. Che aggiunge: «Siamo stati accettati e ammessi alla presentazione orale all’evento di Chicago grazie ad un lavoro scientifico sull’umanizzazione delle cure, lo studio HuCare-2. Gli studi che vengono accettati per la presentazione orale sono pochissimi rispetto al numero totale di lavori inviati ed è un grande onore presentare i propri dati al meeting: significa che il lavoro è innovativo, ben fatto e cambia la pratica clinica. Va ricordato che al Meeting di Chicago partecipano circa 40mila oncologi: 500 sono italiani e noi fra questi».
ASCO è la più grande organizzazione professionale del mondo e rappresenta circa 50 mila ricercatori e medici oncologi internazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

09 Giugno 2019