Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA. VERSO IL BALLOTTAGGIO

Giovetti dice no, non appoggerà Malvezzi nella corsa a sindaco

La lista #Giovetti - La cura per Cremona ha deciso di "non apparentarsi con nessuna delle due forze politiche in gioco"

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

01 Giugno 2019 - 17:57

Libera uscita, Giovetti dice no

Ferruccio Giovetti

CREMONA (1 giugno 2019) - La lista '#Giovetti - la cura per Cremona', si chiama fuori e non appoggerà né Carlo MalvezziGianluca Galimberti nel ballottagio di domenica 9 giugno verso la poltrona di sindaco. In un lungo comunicato, il leader Ferruccio Giovetti spiega le motivazioni che hanno portato a questa decisione.

"Buongiorno a tutti, dopo molte riflessioni, eccoci qui a comunicare, in forma ufficiale, la decisione in merito ad un eventuale apparentamento della Nostra lista in vista del ballottaggio di domenica 9 giugno p.v. Come i nostri elettori sanno, la lista "#Giovetti - la cura per Cremona" è nata da un gruppo di amici per raccogliere i consensi di coloro che non si sentono rappresentati né dal Sindaco uscente Galimberti, né tanto meno dal candidato Sindaco Malvezzi. Nelle ultime settimane prima delle votazioni, ci hanno detto di tutto. Qualcuno è persino arrivato ad accusarci di "vendere i voti a Galimberti" o di "...mettere Cremona nelle mani de PD". Negli ultimi giorni, il pensiero comune che abbiamo sentito è che "tanto alla fine Giovetti si apparenterà con Malvezzi in cambio di qualche poltrona".Fin dall'inizio abbiamo impostato l'ideologia della nostra lista sulla correttezza e su degli ideali per noi fondamentali. Abbiamo volutamente mantenuto un comportamento corretto anche quando alcuni avversari (o ex alleati) politici non lo sono stati nei nostri confronti. Dal 26 maggio ad oggi, abbiamo avuto contatti da TUTTE le forze politiche in gioco, abbiamo avuto critiche, proposte e promesse da TUTTI. Gli unici che non ci hanno incontrato personalmente, sono i due candidati, i quali, probabilmente, non erano interessati ad incontrarci o, più semplicemente, non volevano impegnarsi in prima persona con promesse che a giochi fatti si sarebbero dovute mantenere. In nome degli ideali per i quali abbiamo fondato il nostro movimento e della correttezza sin qui dimostrata nei confronti di chi ci ha dato fiducia votandoci e permettendoci di diventare, in poco più di un mese, la 4a forza politica di Cremona, abbiamo deciso confermare la nostra linea di pensiero e di togliere così, dall'imbarazzo, entrambi i candidati: Per l'imminente ballottaggio, la lista "#Giovetti - La cura per Cremona", non si apparenterà con NESSUNA delle due forze politiche in gioco. Ai nostri elettori, così come ai nostri candidati, non ci sentiamo di dare indicazioni di voto se non la seguente: Se deciderete di andare a votare, sentitevi liberi di manifestare il vostro consenso alla parte che maggiormente incontra le vostre idee. Noi e i nostri candidati vi ringraziamo dal profondo del cuore per le preferenze accordateci al primo turno. Il nostro viaggio non finisce qui, ma è appena cominciato con un progetto tutto nuovo che, forse, renderemo noto successivamente al risultato del 9 giugno p.v., ma che sicuramente farà ancora parlare di noi in futuro. Vinca il migliore. Ab imo pectore, ad maiora!"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Aletti.renzo

    01 Giugno 2019 - 18:50

    Evviva il bipartitismo! Il proliferare di miriadi di liste È IL VERO MALE DELL'ITALIA CHE SI ACCOMPAGNA CON I PICCOLI COMUNI CHE RESISTONO E NON VOGLIONO FONDERSI PER DAR VITA A REALTÀ DECENTI.

    Report

    Rispondi