il network

Martedì 25 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Cremona capitale del Far West

Spettacolare edizione del Salone del Cavallo Americano a CremonaFiere: unica occasione annuale in Europa dove si incontrano e si confrontano le tante anime di questo mondo

Cremona capitale del Far West

CREMONA (25 maggio 2019) - È il vero melting pot dell’equitazione americana, l’unica occasione annuale in Europa dove si incontrano e si confrontano le tante anime di questo mondo variopinto e divertente, ma anche tecnico e dotato, ormai, di una sua precisa rilevanza in fatto di business. È il Salone del Cavallo Americano, in programma sino ad oggi a Cremona Fiere. Chi ama Statson e chaps, qui è sicuro di sentirsi sempre a casa e di poter godere del suo ‘versante western’ preferito, ma anche di trovare ogni volta qualche sorpresa da scoprire: nelle molte arene di gara, frequentate ogni anno da cavalli sempre diversi e sempre migliori, tra i negozi del padiglione shopping, nella vasta area dedicata ai più piccoli o in quella scoppiettante della musica e della country dance, dove convergono i migliori dj italiani e centinaia di ballerini, e dove proprio come nella famosa pellicola con il grande John Travolta Urban cowboy, i visitatori potranno sfidare se stessi e gli amici in una prova di resistenza sul toro meccanico.

Il Salone del Cavallo è da sempre la ‘patria’ dei grandi Derby europei: quello di reining, con la sigla Irha-Nrha e un added money di oltre 110mila euro. E poi, quelli con l’affascinante presenza della mandria in campo gara: reined cow horse (Ercha), cutting e team penning. I Derby sono il secondo aged event nella vita di un cavallo americano e, spesso, proprio le gare dove la qualità più viene a galla in soggetti che solo con la maturazione tirano fuori il meglio di sé. Bisseranno, inoltre, la scenografica e numerosa presenza del 2018 i campionati europei di Barrel Racing e Pole Bending.
La sezione reining di quest’anno poi, oltre alle consuete gare ancillary (in palinsesto anche per tutti gli altri sport che disputeranno a Cremona alcune delle più frequentate tappe dei loro Campionati) e ai Cri*** per seniores, juniores e young riders, di selezione per i Mondiali e gli Europei Fei in programma a Givrins, in Svizera, a luglio ha in serbo anche una novità assoluta, prevista il sabato mattina: la tappa inaugurale della Global Youth Reining Cup, circuito a inviti riservato a ragazzi dai 12 ai 18 anni, dove ogni Paese sarà rappresentato da un singolo cavaliere e il cui ideatore, Joao Marcos del Cardinal Reining Horses Usa, oltre alla partecipazione degli youth Europei prevede arrivi da Argentina, Brasile, Chile, Messico, Paraguay, Uruguay, Usa e forse Australia e Canada.

Rimanendo in tema di equitazione giovanile, al Salone 2019 è in programma la seconda tappa nazionale Wsga, parte di un tenerissimo e divertente, ma anche tecnicamente ben strutturato, circuito riservato ai pony e ai cavalieri in erba nelle discipline western. Chi invece a cavallo non è ancora mai salito, potrà provare a farlo con il battesimo della sella, sorvegliato e aiutato da operatori specializzati. I bambini e i ragazzi, insieme alle loro famiglie, troveranno inoltre nuovamente ad attenderli l’area ludico-didattica Casa di Torroncina: una vera e propria dimora del pony in cui comprendere, toccandolo con mano, come vivono i cavalli, che cosa mangiano, come e dove dormono, come ‘si vestono’ e tutto quello di cui hanno bisogno con l’aiuto di simpatici ponetti e di esperti in etologia, veterinaria ed equitazione western in generale.
Torna anche la Fabbrica degli Acchiappasogni, un laboratorio ‘sostenibile’ dove i bambini, assistiti dalle operatrici e se lo desiderano anche insieme a mamma e papà, potranno costruire e decorare il proprio ‘Dreamcatcher’ personale, utilizzando materiali naturali oppure di recupero e decorandolo secondo il proprio personale gusto per i colori. Non mancheranno, infine, l’indiano Takahoma con i suoi racconti e i suoi giochi, il pianista ‘da saloon’ Piero Chiti ed esilaranti pillole di spettacolo equestre a misura di bambino.

Sempre interessante e importante la sezione di clinics e dimostrazioni tenuta da International Horseman Academy e dedicati a come comprendere a fondo i nostri cavalli per poter ottenere da loro, ma soprattutto con loro, le prestazioni più divertenti e fruttifere. E troppo spazio sarebbe necessario per elencare tutti gli ulteriori scorci di divertimento e le curiosità da vedere, provare, comperare, assaggiare.
L’imponente kermesse occupa quattro grandi padiglioni, per un totale di 70mila metri quadrati di area totale, di cui 20mila di area shopping. Sono stati allestiti quattro campi gara e cinque campi prova, stendendo 7mila metri cubi di sabbia e montando oltre due chilometri e mezzo di transenne, con tribune per 5mila posti. I circa 1200 atleti con 1100 cavalli , si cimenteranno in undici diverse discipline dell’equitazione americana per un totale di 88 classi e con un montepremi che supera i 205mila euro, cui si aggiungono premi in oggetti (per esempio selle di pregio) e il payback che proviene dalle iscrizioni. Per la parte musicale, sulla grande pista in legno da 1250 metri quadrati, 3000 ballerini e ben 40 dj alla console. Sono 51 gli sponsor che sostengono questa grande manifestazione e 34 i media partners. Oltre 100 le persone dello staff necessarie a far funzionare la complessa macchina organizzativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

25 Maggio 2019