il network

Venerdì 23 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Pet Therapy all'Hospice, la relazione diventa terapia

E' iniziato il percorso di attività con animali rivolto a pazienti e famigliari

Pet Therapy all'Hospice, la relazione diventa terapia

CREMONA (15 maggio 2019) - E’ partito oggi pomeriggio, presso l’Hospice dell’Asst di Cremona un percorso di Attività Assistita con Animali (Pet Therapy) rivolto a pazienti e familiari, realizzato grazie ad Accd e Cooperativa Sociale Società Dolce.

Il percorso, oltre alla presenza degli animali (nello specifico, tre cani: Flash, Pimpa e Oscar), prevede il coinvolgimento di un team multidisciplinare formato da conduttori certificati, veterinari, psicologi e personale sanitario dell’Hospice. Questo a garanzia di un approccio rispettoso nei confronti di pazienti e familiari, ma anche nei confronti dei nostri amici a quattro zampe.

Ogni intervento, della durata di circa un’ora, viene calibrato di volta in volta in attività di gruppo, individuali o entrambe. Lo scopo è quello di favorire la socializzazione e la relazione. L’attività si svolgerà ogni due settimane, al mercoledì. “Altri Hospice hanno già intrapreso questo tipo di attività e le loro esperienze, tutte positive, sono state il volano per organizzare questo progetto anche presso la nostra struttura – spiega Massimiliano Strina (Direttore Hospice, ASST di Cremona). Obiettivo di questo percorso è migliorare la qualità di vita del paziente nell’ultimo periodo di vita, diminuire il discomfort dei familiari e ridurre lo stress dei care giver”.

“Possiamo definire questo percorso - prosegue Alessio Faliva (Responsabile UO Terapia del dolore e Cure Palliative, ASST di Cremona) - come una co-terapia: grazie all’animale, il conduttore riesce ad entrare in relazione con la persona con facilità, proprio perché il cane, non avendo alcun giudizio o pregiudizio, si fa ponte comunicativo tra persona e operatore, diventando mediatore nella relazione e catalizzatore di emozioni”.

“E’ dimostrato che esperienze simili hanno cambiato favorevolmente la qualità di vita dei pazienti e dei parenti alleviando la sofferenza fisica e psicologica, rendendo migliore il percorso di consapevolezza e di approccio alla morte. Inoltre, si è evidenziato anche un beneficio sul personale sanitario, contribuendo a migliorare l’ambiente nel luogo di lavoro e creando un clima maggiormente collaborativo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Maggio 2019