il network

Giovedì 20 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. COMMESSA RECORD

Arvedi negli Usa, colpo da un miliardo di dollari

Intesa con Primetals Tchnologies per la fornitura a US Steel Corporation di acciaio per l’industria automobilistica. In Pennsylvania sorgerà un impianto di colata e laminazione in continuo basato sulla tecnologia cremonese ESP. Plauso di Trump

Arvedi, commessa record

Giovanni Arvedi Mario Caldonazzo, Maurizio Calcinoni, Luigi Vinci e alcuni suoi collaboratori all’interno dello stabilimento cremonese

CREMONA (8 maggio 2019) - Primetals Technologies, tra i leader mondiali nella ricerca, sviluppo, progettazione e installazione di tecnologie per impianti dell’industria siderurgica, e il Gruppo Arvedi hanno siglato un importante accordo per la fornitura a US Steel Corporation - iconico produttore di acciaio statunitense specializzato nella produzione di acciai ad alto valore aggiunto per l'industria automobilistica, degli elettrodomestici, delle costruzioni e del Oil & Gas - di un impianto di colata e laminazione in continuo basato sulla tecnologia Arvedi ESP (Endless Strip Production). L’impianto, la cui entrata in funzione è prevista nel 2022, fa parte dello stabilimento siderurgico Edgar Thomson presso la sede produttiva di Braddock, in Pennsylvania. Il valore complessivo dell’investimento da parte del player americano è di oltre 1 miliardo di dollari. Grazie alla unica tecnologia fornita da Primetals Technologies, responsabile per la fornitura delle linee Arvedi ESP, che comprende l’ingegneria, l’impiantistica, i sistemi di controllo automatizzati (di fatto tutto l’hardware ed il software impiantistico) - il consumo e i costi energetici saranno ridotti fino al 45% rispetto ai processi convenzionali di colata e laminazione, con una importante riduzione delle emissioni di CO2.

Il presidente del Gruppo Arvedi, Giovanni Arvedi ha dichiarato: «Siamo particolarmente soddisfatti dell’accordo concluso negli Usa. Dopo la Corea, il Sud Africa, l’Olanda, la Cina, ora gli Stati Uniti ed è per noi un motivo di grande orgoglio constatare che importanti operatori siderurgici in tutto il mondo decidano di investire nella tecnologia sviluppata nel nostro Paese da un’azienda come la nostra che ha sempre creduto nell’innovazione e nella possibilità di sviluppare una siderurgia sostenibile e di assoluta qualità. Da parte nostra assicureremo il massimo impegno affinché questi impianti scelti divengano un esempio mondiale di efficienza, qualità e mix produttivo».

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un tweet ha commentato in maniera positiva l’accordo. Della vicenda si è occupato anche il ‘Waal Street Journal’ (Wsj), che ha analizzato tutti i risvolti dell’accordo.

(Ampio servizio sul giornale di oggi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Maggio 2019