il network

Martedì 20 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. INCONTRI DEGLI EX DELL'ASELLI

Orfeo alla ricerca della verità, conversazione con il regista De Angelis

L'appuntamento è venerdì 19 alle 16,30 in sala Puerari

Orfeo alla ricerca della verità, conversazione con il regista De Angelis

Il regista Luigi De Angelis

CREMONA (17 aprile 2019) -  Teatro e verità cosa c’è di più distante? E’ questa la sfida che lanciano il giornalista Nicola Arrigoni, critico teatrale del quotidiano La Provincia e il regista Luigi De Angelis, impegnato nella realizzazione dell’Orfeo di Monteverdi che aprirà il prossimo Festival di Cremona il 2 maggio. L'appuntamento è venerdì 19 alle 16,30 in sala Puerari.

La parola chiave della rassegna degli Ex Allievi dell’Aselli quest’anno è ‘ricerca’ e così è sembrato interessante coniugare questo termine col teatro, un teatro che va alla ricerca di aspetti che spesso spiazzano il pubblico e lo disorientano. Ed è questo che andrà indagando Luigi De Angelis, fondatore insieme a Chiara Lagani della compagnia Fanny & Alexander, uno dei gruppi teatrali più interessanti della scena nazionale e non solo. Il regista racconterà come ha scelto di leggere l’Orfeo monteverdiano che aprirà il festival di musica antica di Fondazione Teatro Amilcare Ponchielli e lo farà mettendolo in rapporto con altre importanti messinscena, non da ultimo la riduzione per le scene dell’Amica geniale di Elena Ferrante e non solo. Partendo dalla chiave interpretativa di De Angeli/Lagani sarà possibile chiarire che significato dare alla parola ‘ricerca’ nell’ambito delle arti performative dello spettacolo dal vivo e come questo corrisponda – paradossalmente – a una verità disvelata.

«L’appuntamento proposto è apparentemente fuori dagli schemi – spiega la presidente degli Ex Allievi dell’Aselli  Clara Vailati -, ma rispecchia in pieno il tema di quest’anno di lezioni, la ricerca letta in chiavi differenti. Vogliamo così proporre una sorta di testimonianza diretta di cosa voglia dire fare ricerca nel teatro, con la gustosa anteprima, almeno nel racconto, dell’Orfeo che inaugurerà il Festival Monteverdi di Cremona. Possibilità realizzata grazie alla disponibilità del regista, del teatro e naturalmente del suo sovrintendente, Angela Cauzzi che mi sento in dovere di ringraziare».

Luigi De Angelis, nato il 29 settembre 1974 a Bruxelles, di nazionalità belga e italiana, parla francese e italiano come madrelingua, e il bilinguismo ne segna profondamente il rapporto con l’espressione e la lettura dei segni e dei linguaggi. È regista, scenografo, compositore, grafico, filmmaker, light e sound designer, attore. Ha studiato canto gregoriano e pianoforte. Le sue regie e ideazioni partono sempre da una interrelazione tra musica, spazio sonoro e spazio scenico, prendendo spunto dalle arti figurative e dal repertorio musicale contemporaneo. Assieme a Chiara Lagani, nel 1992 fonda la compagnia teatrale Fanny & Alexander con cui ha dato vita, nell’arco di venticinque anni, oltre a una settantina di creazioni, tra spettacoli teatrali, perfomance, installazioni ed eventi site-specific.

L’incontro è aperto al pubblico.

17 Aprile 2019