il network

Domenica 21 Luglio 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMONA

Indagato per omicidio stradale, guida senza patente: denunciato

Il 42enne nel 2017 era stato protagonista di un incidente in cui era morta una persona

Indagato per omicidio stradale, guida senza patente: denunciato

CREMONA - Nell'agosto del 2017 è stato indagato per omicidio stradale e gli era stata sospesa la patente di guida. Domenica 16 dicembre la polizia stradale, per la quarta volta, lo ha trovato alla guida di un'auto sulle strade di Cremona. Un 42enne di Crotone, residente in città, è stato denunciato.

Il controllo degli uomini diretti dal vicequestore Federica Deledda, si sono imbattuti nel 42enne durante uno dei servizi di vigilanza stradale appositamente predisposti a ridosso delle festività natalizie. A.M. è stato fermato al volante di un'auto di grossa cilindrata. L'uomo, protagonista di un grave incidente stradale nell'agosto del 2017 nel quale aveva perso la vita una persona, era stato indagato per omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza, condotte a causa delle quali gli era stata sospesa la patente di guida. Nei mesi successivi, inoltre, era stato trovato a circolare per ben tre volte, seppur privo della patente, e sanzionato di conseguenza. In una circostanza aveva cercato di eludere i controlli dichiarando false generalità ed esibendo i documenti del fratello gemello. 

Il 42enne ha ammesso di non essere in possesso del documento di guida perché nel frattempo questa era stata oggetto di revoca da parte della Prefettura di Cremona. Gli agenti della polstrada lo hanno quindi denunciato per il reato di guida con patente revocata e hanno posto il veicolo sotto sequestro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

17 Dicembre 2018

Commenti all'articolo

  • marco

    2018/12/17 - 18:06

    Carcere!

    Rispondi

  • renzo

    2018/12/17 - 16:04

    Originario di Crotone, e poi ci chiediamo come mai nella recente classifica della qualità nella vita Crotone è l'ultima in Italia. Facciamoci qualche domanda.

    Rispondi