Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Si inventano una aggressione, denunciati due giovani cremonesi

Tutto per giustificare ai famigliari i segni riportati nel corso di una rissa e il consumo di droga, 28enne e 27enne nei guai per simulazione di reato: hanno raccontato di essere stati affrontati da tre uomini armati di taglierino in piazza Lodi

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

04 Ottobre 2018 - 12:04

Si inventano una aggressione, denunciati due giovani cremonesi

CREMONA - Hanno partecipato a una rissa e hanno consumato droga in una festa privata all'interno di una cascina. Per nascondere ai famigliari quanto successo, un 28enne e un 27enne hanno denunciato ai carabinieri di essere stati rapinati e aggrediti da tre persone. Smascherati dai militari, sono stati denunciati per simulazione di reato.

I due giovani, un disoccupato e un cameriere, si sono presentati alle 5 del mattino del 14 settembre alla caserma Santa Lucia raccontando ai carabinieri che, di rientro dalla discoteca, erano stati avvicinati da tre albanesi armati di taglierino in piazza Lodi. I presunti rapinatori, con la minaccia della lama, volevano i soldi e dopo una breve colluttazione - nella quale i cremonesi avevano riportato un taglio al petto e graffi ad un braccio -  avevano desistito fuggendo verso via Speranza.

Le indagini dei carabinieri, completate anche dalla visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona, hanno permesso di accertare la totale infondatezza del racconto. Nessun rapinatore e nessun gesto violento, infatti, risultava registrato dalle telecamere. Gli uomini dell'Arma hanno così deciso di interrogare di nuovo i giovani, portando alla luce numerose incongruenze nei racconti fino ad accertare come erano andate veramente le cose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400