Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

MONZA

Per il Papa mille cremonesi con il vescovo Antonio

Tutta la diocesi rappresentata, consistente anche la Comunità Neocatecumenale. Napolioni: «Per noi lombardi sabato memorabile»

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

25 Marzo 2017 - 19:27

Mille cremonesi con il vescovo Antonio per il Papa

Papa Francesco

MONZA - Anche mille cremonesi, che rappresentavano quasi tutte le parrocchie della diocesi, tra i 700 mila che sabato 25 marzo nel pomeriggio hanno assistito alle messa celebrata da papa Francesco al Parco reale di Monza. Hanno camminato, hanno pregato, hanno preso posto già dalle prime ore del mattino e hanno seguito, pur in lontananza, tutta la funzione e soprattutto hanno sentito le parole del Papa che li ha invitati a "non avere paura e portare la salvezza nella vita quotidiana". 
I cremonesi, di ogni età, facevano parte delle comunità di Arzago d’Adda-Brignano; Gera d’Adda; Calvenzano; Casaletto di Sopra, Casirate, Cassano d’Adda; Costa Sant’Abramo; Covo, San Bernardo; Gadesco Pieve Delmona; Melotta, Motta Baluffi; Persico Dosimo, Pizzighettone; Rivolta d’Adda; Scandolara Ravara; Soncino, Sospiro; Stagno Lombardo e Vailate. Consistente la presenza del Cammino Neocatecumenale, con circa 200 persone. Fatica e soddisfazione, emozione e gioia per un incontro che, hanno detto in corso i cremonesi, laici e preti, "resterà sempre nel nostro cuore". Per l’umanità di Francesco, la capacità di essere in sintonia con i giovani, il suo continuo richiamo alla misericordia ed agli ultimi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • anellitoto

    26 Marzo 2017 - 08:47

    Populismo e demagogia sono il motivo portante delle uscite del Papa . Parlare per esprimere concetti retorici senza corrispondenza nella realtà del quotidiano . Non mettere a disposizione dei poveri di tutte le categorie le ricchezze del Vaticano . Lo IOR è ancora quello di prima ,anche senza Marcincus . E allora?

    Report

    Rispondi