Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Il ricciolo diventa una lumaca, Stradivari di nuovo nel mirino

La statua del liutaio in corso Garibaldi non conosce pace

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

25 Febbraio 2017 - 13:23

Il ricciolo diventa una lumaca, Stradivari di nuovo nel mirino

Il nuovo atto di vandalismo sulla statua di Stradivari

CREMONA - Il ricciolo del violino della statua di Stradivari trasformato in una lumaca. La statua del liutaio cremonese, posizionata in corso Garibaldi, è finita di nuovo nel mirino dei vandali. 

Dopo una serie infinita di episodi (diverse rotture del ricciolo e danneggiamenti vari) i soliti ignoti sono entrati in azione presumibilmente nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 febbraio. Hanno staccato il ricciolo recentemente restaurato, lo hanno attaccato ad un altro pezzo di legno a forma di corpo di lumaca e hanno posizionato la chiocciola a metà del manico dello strumento.

Anche in questo caso, come in tutti gli episodi precedenti, gli autori del vandalismo non sono stati individuati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rasgharib

    27 Febbraio 2017 - 10:22

    mettiamo un servizio di vigilanza h 24 fatto da migranti a guardia della statua...tipo sentinella davanti al milite ignoto !!

    Report

    Rispondi

  • davide sacchetti

    25 Febbraio 2017 - 19:40

    Ormai è una questione di principio per chi si sta divertendo; peccato che il comune non colga la sfida installando una buona telecamera. ma è vero: il denaro serve per l'accoglienza, per essere buoni (col portafoglio altrui)...

    Report

    Rispondi

  • spippomv

    25 Febbraio 2017 - 15:40

    ... visto l'inefficienza o l'impossibilità di scovare i colpevoli, consiglio vivamente di rimuovere la statua dalla sua posizione attuale....anche farsi prendere per i fondelli deve avere come in tutte le cose un limite.....

    Report

    Rispondi