Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Coppetti rilancia: l'Anpi non è la voce ufficiale di chi ha combattuto

La replica dopo le critiche alla sua affermazione durante la festa al Filo: un conto sono i partigiani, un altro l'associazione

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

19 Novembre 2016 - 08:22

Coppetti rilancia: l'Anpi non è la voce ufficiale di chi ha combattuto

Mario Coppetti

CREMONA - Mario Coppetti non avrebbe voglia di rilanciare la polemica. Ma visto che il confronto sulle sue parole esiste dentro e fuori l’Anpi, e non tende a spegnersi, allora tiene a rimarcare le ragioni della sua affermazione al Filo, durante la festa organizzata per il suo 103esimo compleanno: «Di partigiani ne sono rimasti due o tre, gli altri sono solo iscritti all’Anpi. Ma parlano a nome di tutti» aveva detto. Poche righe, che hanno tuttavia avuto l’effetto di scatenare più di una reazione (pacate nei toni, ma che in qualche modo prendevano distanza da quanto affermato da Coppetti), riassunte nelle lettere arrivate in redazione e poi pubblicate su La Provincia. Ecco, il ‘vecchio partigiano’ le archivia così: «Non rispondo perché non sono state offensive e rispetto le idee degli altri. E io dico sempre la mia. In ogni sede e davanti a chiunque, anche al ministro Maria Elena Boschi». Ed eccoci al punto, ovvero alla frase pronunciata al Filo. «La confermo — ci ha detto Coppetti — e confermo il mio pensiero: un conto sono i partigiani, un conto è l’Anpi. Mi spiego: quando l’associazione prende posizione su un qualsiasi tema, è l’associazione che parla. Lo fanno gli iscritti e non i partigiani». 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400