Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SORESINA

Picchia a sangue la sorella ventenne per un banale litigio

Il 26enne da due mesi agli arresti domiciliari per gli atti persecutori commessi ai danni dell'ex fidanzata

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

16 Agosto 2016 - 11:08

Picchia a sangue la sorella per un banale litigio

Un'auto dei carabinieri

SORESINA - In lacrime, con i capelli strappati e il volto sanguinante si è presentata alla caserma dei carabinieri chiedendo aiuto. A ridurla così, stando al suo racconto, sarebbe stato il fratello, un 26enne italiano da due mesi agli arresti domiciliari per gli atti persecutori commessi ai danni dell'ex fidanzata. Dopo le verifiche del caso, i militari della stazione di Soresina hanno arrestato il giovane, poi trasferito nel carcere di Cremona. Alla sorella, di sei anni più giovane, sono state riscontrate ferite guaribili in cinque giorni. L'aggressione, da quanto si è appreso, sarebbe stata generata da un banale litigio.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400