Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Ivoriano 'socialmente pericoloso'

Polizia: via da Cremona il richiedente asilo arrestato più volte nelle ultime settimane. 'Accompagnato' al Cie di Brindisi

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

02 Agosto 2016 - 17:08

Ivoriano 'socialmente pericoloso'

Controlli della polizia di Cremona

CREMONA - Su richiesta del questore Gaetano Bonaccorso, avanzata per ragioni di sicurezza pubblica e accolta dalla locale autorità giudiziaria, è stato accompagnato dalla polizia al Cie (Centro di identificazione ed espulsione) di Brindisi il profugo ivoriano, richiedente asilo, che nelle ultime settimane ha collezionato denunce e arresti in serie. Dimostrando in continuazione una personalità almeno macchiata da profili di rischio. Un provvedimento, quello eseguito nelle ultime ore nei confronti dello straniero 22enne, L.L.E.J., che trova fondamento nell’applicazione della norma che permette di trattenere nei Cie un richiedente asilo, anche in attesa che la commissione territoriale si esprima sull’eventuale espulsione, se ritenuto ‘socialmente pericoloso’.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • anellitoto

    03 Agosto 2016 - 09:01

    Fra non molto la nostra risorsa ivoriana la ritroveremo a Cremona a fare altri danni , più convinto che mai!

    Report

    Rispondi

  • nicola.nolli

    03 Agosto 2016 - 08:49

    Se non si provvede in fretta affinché i clandestini smettano di stazionare fuori dei bar e supermercati a mendicare soldi ( si consideri che sono tutti già mantenuti ), si creerà una sorta di spartizione del territorio, se già non è in atto...., che li convincerà sempre più che tutto è lecito, con la città e i cittadini che li ospitano nient' altro che un contorno per le loro voglie.

    Report

    Rispondi

  • Moroni

    02 Agosto 2016 - 18:16

    Ogni tanto una buona notizia adesso speriamo nel rimpatrio se no tutto lavoro inutile

    Report

    Rispondi