Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Province, la Regione tiene la delega all'Agricoltura: Cremona si prepara a dare battaglia

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

05 Gennaio 2015 - 15:47

Province, la Regione tiene la delega all'Agricoltura: Cremona si prepara a dare battaglia

CREMONA - Dopo aver promesso che il Pirellone avrebbe lasciato tutte le deleghe alle Province, la giunta regionale ha stabilito che Agricoltura, Caccia e Pesca resteranno in capo a palazzo Lombardia. La proposta dovrà ora passare al vaglio del consiglio regionale per diventare legge, ma le province a vocazione agricola si preparano a dare battaglia. “Mi spiace perché da questo punto di vista il nostro territorio non ha nulla da invidiare agli altri”, dice Carlo Vezzini, presidente dell’ente di corso Vittorio Emanuele.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giuseppeciro45

    05 Gennaio 2015 - 18:12

    Ma perchè mai dovremmo dare battaglia sul ritorno di una delega alla Regione Lombardia? Veramente queste sono le cose che lasciano allibiti. Torna in Regione insieme alla delega anche il personale che con la delega a sua volta era passato in Provincia o qualche Dirigente ha paura di non dirigere più se il comando passa da Provincia a Regione?

    Report

    Rispondi

    • fabiorocca48

      14 Gennaio 2015 - 10:18

      Giustissimo!!! Il personale deve tornare in Regione come previsto dalla legge regionale e rimanere in servizio presso il territorio di area vasta che sara' previsto con la riforma degli STER . E' un atto di giustizia riprendersi le funzioni con il relativo personale che dal 2000 e' penalizzato sotto l'aspetto contrattuale nei confronti del personale della regione che sta sul t senza competenze!

      Report

      Rispondi

  • emeritokoglione

    05 Gennaio 2015 - 17:16

    divani&divani e poltronesofà a certa gente gli fanno un baffo!! siamo di secondo livello, ma stiamo seduti. Emerito Koglione.

    Report

    Rispondi