Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. LA PREVENZIONE

Tutti vogliono il vaccino che non c’è: allerta scorte

Le farmacie e gli ambulatori medici presi d’assalto per la dose di anti influenzale. Il ritardo nella consegna del farmaco e l’incognita quantitativi

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

01 Ottobre 2020 - 06:42

Tutti vogliono il vaccino che non c’è: allerta scorte

CREMONA (1 ottobre 2020) - Farmacie e ambulatori medici presi d’assalto: in tanti ricercano la dose di vaccino antinfluenzale che ancora non c’è. E se da un lato la risposta che la comunità scientifica sperava di ottenere nella popolazione c’è stata, dall’altro si è costretti a registrare un forte ritardo nella consegna del farmaco e nella comunicazione delle tempistiche sulla campagna vaccinale. «Su tutto pesa poi l’incognita sui quantitativi – spiega la dottoressa Rosanna Galli, presidente provinciale di Federfarma, che raggruppa i titolari delle farmacie sul territorio – . Ogni giorno sono decine le persone che si presentano per acquistare o prenotare il vaccino. È una situazione che coinvolge tutti i colleghi, ma alla quale al momento non possiamo dare un’adeguata risposta perché ancora non è stato deciso nulla». Tutto si sta compiendo a livelli più elevati: a Roma, dove è aperto un tavolo di confronto con il ministero della Salute; e a Milano, dove la Regione si è accaparrata due milioni e mezzo di dosi, il doppio rispetto all’anno scorso. Ma la contrattazione vera riguarda gli approvvigionamenti della libera vendita, ovvero le dosi da destinare alle categorie non a rischio.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400