il network

Domenica 25 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


AGRICOLTURA

Aree interne, Confagricoltura: il decreto è un buon inizio

Il decreto firmato dal Governo assegna ai Comuni delle aree interne 210 milioni a sostegno delle attività produttive, nell’ambito del fondo introdotto dalla legge di bilancio. Giansanti: "Ripartire dai borghi e dalle campagne significa rinforzare la spina dorsale del Paese"

Aree interne, Confagricoltura: il decreto è un buon inizio

Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura

ROMA (19 settembre 2020) - “E’ un passo che va nella giusta direzione. Questa pandemia ha posto l’accento sull’importanza di un nuovo modello sociale che dia maggiore attenzione alle aree interne e all’agricoltura, pertanto la loro valorizzazione è un’opportunità concreta di cui beneficerà tutto il Paese”. Questo è il commento del presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, al decreto firmato dal Governo che assegna ai Comuni delle aree interne 210 milioni a sostegno delle attività produttive, nell’ambito del fondo introdotto dalla legge di bilancio. 

L’intervento, per Confagricoltura, è degno di nota perché rende immediatamente disponibili risorse, seppur limitate, necessarie per rivitalizzare alcuni territori. Ripartire dai borghi e dalle campagne significa rinforzare la spina dorsale del Paese e promuovere le peculiarità del nostro Made in Italy. Le aree interne rappresentano oltre il 60% della superficie nazionale, anche se sono abitate soltanto dal 21% della popolazione. 

“Ci aspettiamo – conclude Giansanti – che si continui a sostenere questa strategia, anche all’interno del Recovery Plan Italia, dedicando ulteriori investimenti per infrastrutture materiali e digitali, oltre che per la messa in sicurezza del territorio. Si tratta di un’opportunità per ripartire e favorire lo sviluppo economico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Settembre 2020