il network

Martedì 04 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

La storia: 'I 600 euro a maggio poi nulla, sono un tecnico delle luci e mi sento inutile'

Michele Mattone è un lavoratore intermittente dello spettacolo

La storia: 'I 600 euro a maggio poi nulla, sono un tecnico delle luci e mi sento inutile'

CREMONA (28 luglio 2020) - «Il 4 maggio ho ricevuto i 600 euro del Governo per i lavoratori intermittenti, poi più nulla. Tre settimane fa dall’Inps mi è stato risposto che la mia domanda per i mesi di aprile e maggio era stata accolta, ma a tutt’oggi non ho ricevuto un euro. E per i mesi di giugno, luglio e agosto non c’è nulla. La situazione è difficile». Così si racconta Michele Mattone, 53 anni, tecnico luci, socio della cooperativa Artistic Music Show: «Noi lavoriamo su chiamata e con il lockdown tutto è andato in fumo. Io faccio il tecnico luci, il che vuol dire occuparsi di tutto ciò che riguarda illuminazione in un evento o in uno spettacolo. Da un momento all’altro mi sono visto annullate 20 giornate lavorative fra il mese di marzo e quello di aprile. A tutt’oggi non si muove nulla, la soluzione sembra essere quella di fare qualsiasi altra cosa e lasciare un mestiere che mi piace: magazziniere, aiuto elettricista. Il guaio è che a 53 anni chi ti vuole?». Facendo parte di una cooperativa, Mattone e come lui molti degli intermittenti dello spettacolo, soprattutto tecnici, non possono prendere la disoccupazione. «Al pur importante aspetto di carattere economico si affianca una sensazione di essere inutile, di essere un lavoratore che non serve a nessuno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

27 Luglio 2020

Commenti all'articolo

  • renzo

    2020/07/28 - 11:44

    Che problemi ci sono? Hanno dato dei soldi a che già li prendeva sicuri, con la diminuzione del cuneo fiscale,.... quindi si sento già tranquilli, non hanno messo le mani in tasca agli italiani, anzi....

    Rispondi